info@divecircle.com

info@divecircle.com

AfricaDestinazioniSlider

Viaggi sub in Madagascar, tra immersioni, snorkeling e whale watching

whale watching alle azzorre

I viaggi sub in Madagascar sono un’esperienza unica che tutti gli appassionati di sub e di vita marina dovrebbero vivere almeno una volta nella vita.  

Noto anche come “grande isola” o “isola rossa” il Madagascar ti ruberà il cuore con i suoi 5000 km di costa, le acque cristalline abitate da balene e squali e un paesaggio che cambia in continuazione, passando dal mare alla montagna, tra savana, foreste pluviali e risaie tutte da scoprire.  

Questa meravigliosa isola al largo della costa africana custodisce  una biodiversità unica al mondo  che la rende la destinazione ideale per gli amanti della natura, del mare e delle immersioni.   

Nei suoi fondali è possibile ammirare pesci tropicali, tartarughe, squali balena, squali grigi, delfini, balene, globicefali, mante, barracuda, tonni e cernie giganti 

La zona migliore per vivere tutto questo ed essere catapultati in un vero e proprio sogno ad occhi aperti è sicuramente il nord dell’isola e in particolare la piccola, deliziosa Nosy Be, con i suoi angoli di pura bellezza incontaminata e i suoi stupendi fondali.  

Tra le mete più gettonate per i vostri viaggi sub in Madagascar ci sono anche Mangily Island, la baia di Diego Suarez e  Ankazoberavina, meta perfetta per gli appassionati di immersioni ma anche per i sub meno esperti: qui infatti, anche a basse profondità si può godere di una vista privilegiata sull’incanto del mondo sottomarino, popolato da formazioni coralline, pesci di barriera, ma anche balene. squalo

Il Madagascar è anche la patria dei grandi mammiferi marini; qui potrai vivere l’esperienza unica di fare whale watching e avvistare megattere, balene e delfini mentre nuotano nel loro habitat naturale, a poca distanza dalla costa. 

Viaggi sub in Madagascar

Anche i più sportivi troveranno in Madagascar il loro luogo del cuore: qui, tra spiagge paradisiache, coste frastagliate e acqua turchese, potranno praticare gli sport più disparati, dal windsurf alla vela, e vivere mille avventure straordinarie.   

E per chi è in cerca di altro oltre al mare e alle immersioni? Il Madagascar saprà conquistarti anche in questo caso!  

Durante i viaggio sub in Madagascar è possibile visitare numerosi  parchi nazionali  che  ricoprono oltre il 10% del suo territorio e permettono di conoscere la vera essenza di questa isola piena di magia, entrando in contatto con le tradizioni locali e con i simboli della flora e della fauna del Paese: gli altissimi baobab e i simpatici lemuri! 

La stagione turistica inizia ad aprile e termina a dicembre: il periodo migliore per volare in Madagascar e vivere una vacanza indimenticabile è sicuramente quello che va da settembre a dicembre, quando le temperature sono calde, le piogge scarseggiano, le acque sono limpide ed è possibile imbattersi nello spettacolo unico delle balenottere azzurre che attraversano il canale del vicino Mozambico.  

Se vuoi saperne di più su questa grande affascinante isola e i suoi fondali leggi gli articoli del nostro blog sui viaggi sub in Madagascar e scopri tutte le offerte per realizzare la tua vacanza sub ideale in Madagascar, a Nosy Be e Mangily Island 

 

 

 

 

 

 

DestinazioniEuropa

Immersioni alle Canarie: una vacanza sub da ricordare

Non sempre serve andare dall’altra parte del mondo per vivere esperienze uniche a contatto con il mare e i suoi fondali: in Europa per esempio è possibile fare immersioni alle Canarie, un vero sogno ad occhi aperti. 

Un viaggio diving alle Canarie è la scelta perfetta per vivere un’avventura subacquea a 360°: acque limpide, grotte, scogliere e una grandissima varietà di specie marine vi aspettano!  

Situate nell’Oceano Atlantico, al largo dell’Africa nord – occidentale, le Isole Canarie sono un vero paradiso per gli amanti dei viaggi sub, dello snorkeling, dei relitti e dell’avvistamento dei grandi abitanti dei mari.  

Nella maggior parte delle isole Canarie troverete tantissimi scuole subacquee e molti diving resort che organizzano escursioni sui principali punti di immersione di quest’arcipelago appartenente al territorio spagnolo. 

Fare immersioni alle Canarie significa entrare in acque limpidissime, con una visibilità che in media si mantiene sopra i 25 metri e una temperatura che tutto l’anno è intorno ai 20°, creando l’habitat ideale per una grandissima varietà di specie marine.  

I fondali marini di questo arcipelago di origine vulcanica sono davvero molto particolari. Vivere un’esperienza diving alle Canarie infatti vuol dire ritrovarsi a nuotare tra colate di lava dalle quali si sono originate le pareti verticali che oggi sono popolate da una flora e una fauna rigogliose e hanno grotte poste a grandi profondità ed adatte all’esplorazione dei sub più esperti.

Una ricchezza che ha consentito a diverse zone delle isole El Hierro, La Palma e Lanzarote di ottenere il riconoscimento di riserva marina protetta.  

Nelle acque di La Palma, perfette per chi ama le immersioni profonde, per esempio si possono incontrare aquile di mare, pesci palla spinosi, corallo nero, cernie, oltre a numerose grotte e scogliere che arrivano fino a 300 metri. 

Al largo della piccola e selvaggia isola di El Hierro invece si trova la riserva de la Restinga, un santuario marino in cui ogni anno arrivano delfini, mante, tartarughe, tonni, cernie, barracuda e alcuni squali balena. 

Tra le altre isole in cui fare immersioni da sogno alle Canarie, ci sono Fuerteventura e Gran Canaria.  

Fuerteventura è la seconda isola per grandezza che racchiude anch’essa svariati punti di immersione. Tra i più importanti annoveriamo El Jabito, Veril Grande, una parete che scende fino a 40 metri e nasconde specie marine come murene, mante, saraghi e squali angelo e El Bajon del Rio, una depressione dorata a quasi 20 metri di profondità dalla quale spuntano massi vulcanici.   

Gran Canaria è la meta perfetta per effettuare le immersioni sui relitti: al largo delle sue acque limpide si trovano numerose imbarcazioni adagiate sui fondali e diventate parte integrante dell’ecosistema sottomarino di questa porzione di mare unica al mondo.  

Tutte le Isole Canarie, annoverate tra le destinazioni low-cost per i viaggi sub, offrono numerosi siti di immersione, ciascuno con le sue peculiarità. Vediamone insieme alcuni che potrete incontrare sulle isole di Tenerife e Lanzarote.  

Immersioni alle Canarie: Tenerife 

La più grande delle isole Canarie è Tenerife, che con i suoi circa 2000 metri quadrati è dieci volte più grande di El Hierro, l’isola più piccola dell’arcipelago.  

Rinomata in tutto il mondo per le sue spiagge bianchissime e l’acqua limpida, Tenerife offre oltre cinquanta punti di immersione, tra cui la nota “Cattedrale”, una parete marina di archi e voragini che custodisce una grotta di 20 metri e si trova ad appena 5 minuti da Puerto de La Cruz, nel nord dell’isola. 

Al largo di Tenerife, inoltre, giacciono due importanti relitti visitabili durante un’immersione: “El Peñón”, relitto di 35 metri, ed “El Condesito”, entrambi a circa 20 metri di profondità. 

Tra i siti di immersioni adatti ai sub più esperti ed appassionati di fotografia macro subacquea c’è sicuramente quello di Marazul: esso si sviluppa tra i sette e i trenta metri ed offre coloratissimi reef dove è facile incontrare polipi, pesci balestra e pesci trombetta.   

Playa Paraiso invece è il sito di immersione ideale per tutti i sub: passa dai 3 ai 25 metri di profondità ed è caratterizzato da una serie di canyons vulcanici che ospitano barracuda, tartarughe, saraghi, pesci trombetta, dentici e crostacei. 

Ai meno esperti suggeriamo invece il sito di El Puertito: qui si nuota prima in superficie per arrivare fino ai 14 metri e avere la possibilità di incontrare tartarughe, razze, pesci trombetta e anche alcuni esemplari di squali angelo.  

Immersioni alle Canarie: Lanzarote  

Le acque di Lanzarote ospitano il primo museo sottomarino d’Europa, realizzato dall’artista britannico Jason de Caires Taylor. A 15 metri di profondità, Taylor ha inserito una serie di sculture contemporanee che sono visibili anche praticando snorkeling e rappresentano alcuni temi di attualità come quello dei migranti e delle numerose morti in mare avvenute negli ultimi anni.  

La riserva marina di Lanzarote si trova precisamente a La Graciosa, una piccola, incontaminata isoletta posta a nord di Lanzarote, che insieme agli isolotti che la circondano rappresenta l’area marina protetta più estesa di tutta Europa.    

I tanti punti diversi di immersione presenti sull’isola sono adatti a soddisfare esigenze e capacità di tutti i sub, dai più esperti ai principianti. 

Tra le immersioni alle Canarie più impegnative c’è quella di Lava Caves, che inizia a soli 15 metri di profondità e scende fino ai 60 e permette di incontrare razze, pesci scorpione, murene ed esemplari di squali angelo.  

Il sito di Las Salinas invece è caratterizzato da acque particolarmente cristalline e fondali modellati da lava vulcanica in cui vivono razze, pesci di barriera e murene.  

Punta Jabillo è la scelta perfetta per i sub meno esperti che potranno nuotare in superficie nella baia protetta di Lanzarote e incontrare tante specie marine tipiche di queste acque.  

Immersioni alle Canarie alla scoperta dei relitti 

Immersioni alle Canarie

Una delle cose assolutamente da non perdere durante le immersioni alle Canarie è sicuramente la scoperta dei tanti relitti adagiati sui fondali di questo magico arcipelago europeo.  

A Gran Canaria per esempio, a 40 metri di profondità, si trova il relitto della nave mercantile Arona, lunga 100 metri per 15 metri di larghezza, che affondò nel 1972 a causa di un incendio. 

A sud-est di Lanzarote, vicino alla movimentata Puerto del Carmen, si trovano tre relitti di imbarcazioni in legno usate in passato per la pesca; i relitti si trovano a diverse profondità e questo li rende fruibili a sub di diverso livello ed esperienza.  

A Tenerife la nave El Peñón, lunga 35 metri e affondata nel 2006 viene oggi utilizzata come barriera artificiale per la costa; al suo interno abitano piovre, murene e moltissime altre specie marine. 

Canarie: le esperienze da non perdere oltre le immersioni  

Le isole Canarie offrono numerose attrattive per ogni tipo di viaggiatore: dalla montagna del Teide di Tenerife, la più alta di tutta la Spagna, passando per lunghe spiagge bianchissime e città caratteristiche, fino ad arrivare alla vulcanica Lanzarote famosa per il parco nazionale Timanfaya e le opere di Cesar Manrique.  

Le escursioni sono le attività più interessante da svolgere sulle Isole Canarie e garantiscono un perfetto mix tra relax e avventura.  

Escursioni in notturna per ammirare la volta celeste, passeggiate a dorso di un cammello e percorsi in quad alla scoperta del territorio vulcanico tipico di questo arcipelago.  

Ma le escursioni per eccellenza alle Isole Canarie sono senza dubbio quelle vissute nei fondali marini. Anche chi non ama le immersioni a grandi profondità non dovrà quindi rinunciare alla possibilità di scoprire i fondali di queste isola piene di fascino.  

Facendo snorkeling tra le scogliere coralline infatti si possono ammirare tantissime specie di pesci tra cui tartarughe, cavallucci marini, ricci di mare, spugne, polipi, pesci pappagallo e molto altro ancora.  

Le isole Canarie sono inoltre un luogo privilegiato per l’osservazione dei cetacei: il cosiddetto whale watching in questo arcipelago vi regalerà incontri indimenticabili!  

Affidatevi agli esperti locali dei centri specializzati e andate con loro alla scoperta dei grandi giganti del mare. Alle Canarie è possibile avvistare diverse specie di cetacei durante tutti i mesi dell’anno e non vi servirà allontanarvi troppo dalla costa per incrociare delfini, globicefali, balenottere e capodogli!  

E se siete amanti degli sport acquatici sappiate che le onde dell’Oceano Atlantico, che in inverno superano anche i cinque metri di altezza, sono perfette per chi pratica windsurf 

Immersioni alle Canarie: flora e fauna 

Le isole Canarie sono un esempio di biodiversità e straordinaria conservazione dei fondali marini.  

Tra le scogliere vulcaniche delle Canarie possiamo incontrare l’aquila pescatrice chiamata anche “Guincho” ed il canario, l’uccellino, dal particolare colore giallo, tipico di queste terre, che ha dato il nome all’intero arcipelago.  

Tra le specie animali, esclusive della zona delle Canarie, troviamo il particolare granchio cieco, che vive solamente nei tunnel di lava.  

Tra le specie marine si annoverano delfini, balene, mante, cernie, barracuda, pesci pappagallo, pesci angelo e pesci damigelle oltre ad alcuni esemplari di squali.  

Immersioni alle Canarie: quando andare 

Non esiste un vero e proprio periodo migliore per organizzare un viaggio sub alle Canarie.  Nonostante si trovino quasi all’altezza del Tropico, a breve distanza dalle coste di Marocco e Sahara Occidentale, queste isole godono tutto l’anno di un clima eccezionalmente mite a causa della corrente marina fredda che soffia in questa zona dell’Atlantico e degli alisei che spirano costanti sulle coste dell’arcipelago.  

Proprio a causa di questa corrente fredda le acque del mare delle Canarie non superano mai i 22°/23°, mentre in inverno raggiungono i 19°.  

Nella parte costiera delle isole le temperature medie di gennaio e febbraio si aggirano intorno ai 17°/18° mentre quelle di luglio, agosto e settembre intorno ai 23°/24°. Solo nella zona di Santa Cruz di Tenerife in piena estate si raggiungono picchi anche di 28°/29°.  

Anche in estate, quando le ore di luce sono di più, la notte le temperature si abbassano intorno ai 20°, un clima che molti ritengono ideale per riposarsi dopo una giornata di immersioni ed escursioni tra le isole.  

 Se anche voi non vedere l’ora di vivere una vacanza magica nelle isole dell’eterna primavera, scoprite tutte le offerte per raggiungere Tenerife e Lanzarote e preparatevi a vivere emozioni uniche a contatto con il mare e i suoi tesori. 

 

 

AfricaDestinazioni

Vacanze sub in Madagascar: Nosy Be, il paradiso delle immersioni

A poca distanza dalla costa settentrionale del Madagascar sorge l’isola di Nosy Be: una tappa obbligata durante le vacanze sub in Madagascar, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni così come per i non sub che vogliono vivere esperienze straordinarie a contatto con il mare e i suoi abitanti.

Con oltre 50 punti di immersione, ognuno con un diverso grado di difficoltà, Nosy Be è una delle mete preferite dai sub di tutto il mondo ma anche l’ideale per chi vuole praticare snorkeling e whale watching per ammirare balene e megattere e nuotare con i delfini nel loro habitat naturale.  

Lungo le sue coste si trovano numerosi villaggi di tour operator italiani e diving che parlano la nostra lingua e vi accompagneranno alla scoperta di questo angolo di mondo in cui si respira pura magia.  

Da Nosy Be si può raggiungere agevolmente Diego Suarez e la sua meravigliosa e bianchissima baia pan di zucchero, tappa di partenza per numerose escursioni terrestri nella natura.  

Se sceglierete di vivere una delle nostre vacanze sub in Madagascar e in particolare a Nosy Be, vi innamorerete di questa isola, della sua natura rigogliosa, del suo mare cristallino abitato da balene e delfini e del fondale che custodisce veri e propri tesori della flora e fauna sottomarina.  

Vacanza sub Madagascar

Le esperienze da non perdere a Nosy Be

Il mare immacolato di Nosy Be è sicuramente la maggiore attrazione dell’isola; da non perdere Andilana Beach, una spiaggia incontaminata in cui è possibile ammirare il fenomeno unico delle maree.  

Le immersioni negli stupendi fondali di Nosy Be vi regaleranno emozioni indescrivibili ed incontri speciali con tartarughe, mante, barracuda, balene, squali balena e delfini.  

In questo articolo vi abbiamo già dato dei consigli su come e quando organizzare le vostre vacanze sub in Madagascar. A Nosy Be in particolare, è possibile fare immersioni e snorkeling tutto l’anno, con caratteristiche e dettagli diversi in base ai mesi, alle condizioni dell’oceano e alle vostre preferenze. 

Da agosto ad ottobre per esempio è il periodo migliore per avvistare le megattere; qualsiasi amante del mare, che sia un sub oppure semplice appassionato, potrà vivere un’esperienza indimenticabile accanto a questi splendidi giganti del mare.  

Da novembre a gennaio, prima del periodo dei cicloni, la presenza di plancton e l’acqua che raggiunge temperature più alte, creano l’habitat perfetto per l’avvicinarsi di comunità di squali balena alle coste di Nosy Be.  

Con un po’ di pazienza e di fortuna è possibile avvistare anche esemplari di squali chitarra, leopardo e pinna bianca.  

Altro elemento caratteristico dell’isola di Nosy Be gli oltre 900 ettari di mangrovie, che ospitano una ricchissima comunità di crostacei e molluschi. 

Tra i luoghi migliori dove fare immersioni a Nosy Be ricordiamo Gran Banco Esterno, Nosy Iranja, Manta Point, Banco Rosy, Banco Cousteau e Banco delle Gorgonie. 

Gran Banco Esterno si trova al confine tra le basse acque di Nosy Be e quelle profondissime del Canale di Mozambico, che separa l’isola del Madagascar dalla terraferma. Qui gli appassionati di immersioni potranno incontrare pesci di grandi dimensioni come cernie giganti, tonni e squali grigi e vivere l’ennesima grande esperienza a contatto con il favoloso mare di Nosy Be.  

Anche l’entroterra dell’isola custodisce angoli di bellezza autentica, tra coltivazioni di ylang ylang, canna da zucchero e vaniglia.

Da non perdere una visita a Hell Ville, la capitale dell’isola. Si tratta di una delle città coloniali più antiche di tutto il Madagascar con un animato centro ricco di negozietti e caffè in cui acquistare artigianato locale e gustare le specialità mogadisce. La pittoresca città coloniale ospita un mercato coperto meraviglioso, dove potrete entrare in contatto con le tradizioni e i sapori locali prima di concedervi un’altra esperienza speciale a contatto con il mare.  

Sull’isola non mancano le tracce dell’antica popolazione Sakalava che abitava questi luoghi durante il 1700. Molte di queste sono custodite all’interno del museo Sakalava e Antankarana che testimonia la storia e le tradizioni delle due maggiori tribù mogadisce. Da vedere anche l’Albero Sacro, un gigantesco Ficus dalle radici aeree che occupano oltre 50 metri di diametro, considerato uno dei maggiori luoghi di culto dell’isola.  

A proposito di natura l’area verde più interessante del Madagascar è la riserva integrale di Lokobe: un habitat naturale di circa 750 ettari, nel sud dell’isola di Nosy Be, che rappresenta ciò che rimane della foresta pluviale che prima ricopriva l’intera isola.

Al suo interno è possibile vivere un safari fotografico insieme ai più piccoli alla scoperta di piante e animali unici al mondo, tra lemuri, palme, camaleonti, serpenti e tartarughe.

Vacanze sub in Madagascar: escursioni in barca da Nosy Be

Se durante le vostre vacanze sub in Madagascar non volete limitarvi alla scoperta di una sola isola, sappiate che dalla vivace e animata spiaggia di Madirokely è possibile noleggiare delle imbarcazioni per spostarsi fino alle isole minori che circondano Nosy Be.  

Tra queste vi consigliamo Nosy Kombe, l’isola dei lemuri che ospita anche tartarughe giganti e camaleonti e Nosy Tanikely, riserva marina protetta famosa per lo snorkeling alla scoperta della splendida barriera corallina.  

Da non perdere anche Nosy Sakatia, la seconda isola più grande della costa occidentale di Nosy Be da cui dista circa 3 chilometri. Famosa anche con il nome di isola delle orchidee ed è il luogo ideale per vivere esperienze come le immersioni subacquee e ammirare numerose specie di pesci tropicali. Il fondale più affascinante è quello delle Grotte di Sakatia, profonde oltre 25 metri e ricco di pesci tropicali, spugne, coralli e alcionari. 

Merita una visita anche Nosy Iranja, famosa le colonie di tartarughe che ospita. Formata da due piccole isole, Nosy Iranja Bè e Nosy Iranja Kely, collegate tra loro da una lunga striscia di sabbia bianchissima, è circondate da acque limpide che custodiscono una barriera corallina ricca e viva in cui ammirare pesci tropicali e stelle marine di ogni dimensione. 

Nosy Be e le isole vicine vi aspettano per vivere un’esperienza indimenticabile: non vi resta che scoprire le nostre offerte per le vacanze sub in Madagascar a Nosy Be e prepararvi a vedere con i vostri occhi quante meraviglie custodiscono le acque di questo Paese straordinario!

AfricaDestinazioniSlider

Viaggi sub in Madagascar tra barriera corallina e grandi mammiferi marini

viaggi sub in Madagascar lasciano un ricordo indelebile, un mix di emozioni indescrivibile, che non è facile raccontare ma che si deve vivere sulla propria pelle.

Circondato dalle acque dell’Oceano Indiano, a largo delle coste sud orientali dell’Africa, il Madagascar, con i suoi 550 mila chilometri quadrati e una popolazione di quasi 15 milioni di abitanti, è la quarta isola più grande del mondo.

Essa è nota anche come “grande isola” o “isola rossa” per il colore rossastro della sua terra dovuto all’alta concentrazione di ferro. 

Da nord a sud, l’isola del Madagascar misura quasi 1.600 km e conta oltre 5000 chilometri di costa. Il suo paesaggio è ricchissimo e varia in continuazione, dalle coste alle montagne passando per le colline e alternando savana, risaie e foreste pluviali.  

Al suo interno è possibile visitare numerosi parchi nazionali che rappresentano oltre il 10% del suo territorio e vi faranno innamorare al primo incontro di questa terra piena di segreti e magia.  

L’isola custodisce una biodiversità incredibile che la rende la meta perfetta per gli amanti della natura, del mare e delle immersioni.  

Viaggi diving Madagascar

A tutti voi, che siate sub esperti oppure semplici appassionati del mondo marino, consigliamo di dirigervi verso nord, in particolare sull’isola di Nosy Be, alla scoperta di angoli di rara bellezza e di stupendi fondali da esplorare.  

Anche il resto del Paese offre tesori unici, come Morondava e Belo-sur-mer, lungo la costa occidentale, famose per le loro spiagge chilometriche o Taolagnaro, meglio conosciuta con il vecchio nome Fort-Dauphin, che nella zona meridionale dell’isola vi attende con le sue interminabili spiagge di sabbia bianca e fine.   

La costa orientale invece è sconsigliata agli amanti dei bagni e delle immersioni per la presenza di numerosi squali e di correnti molto forti e pericolose.  

Il nord del Madagascar: paradiso per i sub (e non solo) 

Come accennato sopra, la zona migliore per appassionati di immersioni e vita marina è sicuramente la costa settentrionale dell’isola che custodisce luoghi di eccezionale bellezza, come Mangily Islandla baia di Diego Suarez, oggi Antsiranana, famosa per la baia pan di zucchero, una delle più affascinanti del mondo intero.   

Tra i tesori della costa settentrionale del Madagascar vi ricordiamo anche il Parco Nazionale di Montagne d’Ambre dove potrete scoprire le particolarità della flora e della fauna locali.  

Tra le mete più gettonate del nord c’è Ankazoberavina, meta perfetta per gli appassionati di sub che potranno vivere l’emozione di immergersi nelle sue acque cristalline alla scoperta di un mondo sottomarino ricchissimo.  

I suoi fondali sono ricchi di formazioni coralline e pesci tropicali, visibili anche a basse profondità. Questa meta è consigliata dunque anche ai sub meno esperti: qui infatti le immersioni sono abbastanza semplici ma ciò non sminuisce certo la bellezza e unicità dell’esperienza, soprattutto se vissuta in un luogo incantato come questo.   

I non sub potranno vivere altre esperienze straordinarie come l’avvistamento di megattere e balene; Ankazoberavina infatti è la patria dei grandi mammiferi marini.   

A poca distanza dalla costa nord occidentale del Paese si incontra Nosy Be, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni! L’isola è sede di numerosi villaggi di tour operator italiani, nonché meta ideale per chi vuole ammirare balene e delfini nel loro habitat naturale.  

Anche chi non ama le immersioni in profondità qui avrà l’imbarazzo della scelta. Grazie a Divecircle infatti è possibile organizzare e vivere numerose esperienze a contatto con il mare, come il whale watching, lo snorkeling, esplorazione delle barriere coralline, immersioni e molto altro ancora.  

Se sceglierete il Madagascar conoscerete un’oasi incontaminata lontano dal caos, costellata di montagne, colline e foreste pluviali, con coste frastagliate, spiagge affascinanti e acque di mille sfumature di blu, celeste e turchese in cui praticare gli sport più disparati, dal windsurf alla vela, e vivere mille esperienze e avventure straordinarie.  

La flora e la fauna da scoprire nei viaggi sub in Madagascar

Il Madagascar è un paradiso per gli amanti del mare proprio perché le sue acque cristalline sono abitate da numerosissimi esemplari, anche molto particolari che sub e non sub avranno l’opportunità di ammirare da vicino grazie ad immersioni, giri in battello per whale watching e snorkeling.  

Sull’isola è possibile fare immersioni tutto l’anno, con caratteristiche e dettagli diversi in base ai mesi, alle condizioni dell’oceano.

Nei fondali del Madagascar potrete incontrare numerose specie di pesci tropicali, tartarughe, squali balena, squali grigi, delfini, balene, globicefali, mante, barracuda, tonni e cernie giganti, per la gioia dei vostri occhi e dei vostri sensi.   

Le tartarughe sono concentrate soprattutto sulla piccola, deliziosa isola di Iranja Kely, nota proprio come isola delle tartarughe. Essa è in realtà formata da due isole, Nosy Iranja Bè e Nosy Iranja Kely, collegate tra loro da una lunga striscia di sabbia bianchissima e circondate da acque limpide che custodiscono una barriera corallina ricca e viva.  

Se sceglierete uno dei nostri viaggi sub in Madagascar molto probabilmente avrete anche la possibilità di vivere il momento della schiusa delle uova di tartaruga e della corsa delle neonate verso l’acqua del mare: uno spettacolo unico e davvero emozionante!  

Anche la flora e la fauna terrestri regalano grandi emozioni. L’isola del Madagascar infatti racchiude in sé il 5% della fauna e della flora di tutto il mondo: una vegetazione che varia sensibilmente al variare del paesaggio, dalle regioni costiere, alle zone pluviali fino alle montagne tropicali.

L’elemento di spicco della flora del Paese è sicuramente il baobab, che trova la sua massima espressione lungo la famosa Avenue des Baobab, lunga quasi 200 chilometri. Questa strada è così particolare e custodisce esemplari secolari di baobab, da aver meritato il titolo di Monumento Naturale del Paese. Inoltre troviamo anche un grande numero di specie di palme, orchidee e cactus.  

Tra la fauna presente in Madagascar non si possono non citare i lemuri: sull’isola se ne incontrano oltre 102 specie, che vivono in grandi colonie. Essi sono ormai abituati alla presenza dell’uomo e non è insolito che escano dalle foreste per raggiungere le spiagge piene di turisti.  

Sull’isola e in particolare nelle sue foreste vive un altro unico animale che non è possibile rintracciare in nessun’altra parte del mondo: il Fossa. Simile ad un piccolo puma esso fa parte della famiglia dei viverridi, come genette e manguste.  

Molto diffusi anche i camaleonti e tantissime diverse specie di uccelli che fanno del Madagascar un paradiso del birdwatching.  

Viaggi sub in Madagascar: quando andare  

Il clima del Madagascar è subtropicale, con una stagione calda e piovosa da novembre ad aprile, ed una stagione secca e fresca da maggio a ottobre.  

La stagione turistica in Madagascar inizia ad aprile, subito dopo il periodo dei cicloni e termina a dicembre. Se state pensando di raggiungere quest’isola delle meraviglie ci sentiamo di sconsigliarvi solamente i mesi tra gennaio e marzo, quando le forti piogge rendono più complicati gli spostamenti tra le piccole isole, alcune zone sono completamente isolate, molti alberghi e strutture ricettive chiudono e il nord è frequentemente battuto da cicloni.  

Il periodo migliore per organizzare uno dei nostri viaggi sub in Madagascar è quello che va da settembre a dicembre, quando le temperature sono calde e le piogge davvero scarse ed è possibile imbattersi nelle balenottere azzurre che attraversano il canale del vicino Mozambico. Il periodo è perfetto anche per l’osservazione della fauna terrestre locale: camaleonti, serpenti e roditori infatti non sono ancora in letargo e avrete l’occasione di ammirare le meraviglie dei numerosi parchi nazionali.  

Se arrivate sull’isola tra maggio e giugno vivrete in prima persona la stagione del raccolto del riso sugli altopiani, un evento di grande effetto che permette di entrare in contatto con un importante tradizione locale.  

Se avete le ferie tra luglio ed agosto, picchi dell’alta stagione, non avrete comunque nessun problema: troverete temperature gradevoli e acque limpide e pronte a stupirvi con i loro tesori.  

Attenzione però! I viaggi sub in Madagascar vanno certamente programmati per tempo in modo da trovare le migliori offerte: muovendosi con grande anticipo infatti è possibile vivere un viaggio sub in Madagascar con un budget di 500/600 euro, volo aereo escluso.  

Viaggi sub in Madagascar: la valigia perfetta

Partire per un viaggio sub in Madagascar non vuol dire solo prepararsi a nuotate ed immersioni ma anche scoprire i tesori terrestri dell’isola e dei suoi parchi, soprattutto se con voi sub partiranno anche persone che non praticano le immersioni.  

Proprio per questo oltre a costumi, pinne, maschera e l’attrezzatura per le immersioni, vi consigliamo di mettere in valigia tutto il necessario per il trekking, comprese scarpe comode, cappello ed un k-way.  

Se avete intenzione di raggiungere l’entroterra e i suoi altopiani portate con voi alcuni indumenti caldi, come felpe e piumini perché in questi luoghi la temperatura può scendere anche sotto ai 5°.

Ricordate di aggiungere in valigia i medicinali che assumete di solito, compresse per i disturbi gastrointestinali e repellenti per zanzare ed insetti vari.   

Sul nostro sito trovate una guida con tutte le informazioni e i dettagli per organizzare al meglio, dal punto di vista pratico, il vostro viaggio sub in Madagascar!  

Se il racconto di questa isola magica in cui si respira felicità ad ogni passo – e ad ogni immersione – vi ha affascinato non vi resta che scoprire tutte le nostre offerte per i viaggi sub in Madagascar, a Nosy Be e Mangily Island e prepararvi a raggiungere questo paradiso terrestre fatto di acque cristalline, fondali meravigliosi, popolazione accogliente, ritmi rilassati e natura affascinante 

DestinazioniEuropaSlider

Vacanza sub alle Canarie, tra balene, fondali vulcanici e vecchi relitti 

A poche ore di volo da casa vostra potete regalarti una vacanza sub alle Canarie a contatto con il mare e i mille tesori che custodisce.  

Acque cristalline, scogliere e panorami mozzafiato, spiagge isolate e fondali da sogno: questo arcipelago spagnolo immerso nell’Oceano Atlantico è la meta ideale per la tua vacanza sub.  

Nelle isole di Lanzarote e Tenerife (e nelle vicine Gran Canaria, El Hierro, La Palma e Fuerteventura) potrai immergerti tra antichi relitti, scoprire la flora e la fauna nelle numerose riserve marine, come per esempio quella de La Graciosa, fare snorkeling, surf e windsurf in acque limpide e stabili intorno ai 20°C tutto l’anno, oppure ammirare balene e delfini del loro habitat naturale.  

Whale watching e vacanza sub alle Canarie

La tua vacanza sub alle Canarie si arricchirà di una nuova grande emozione: questo arcipelago infatti, oltre ad essere una delle più importanti mete europee per gli appassionati di subacquea è anche il luogo perfetto per l’avvistamento dei grandi abitanti del mare, come delfini, globicefali, balenottere e capodogli. 

Se sceglierai l’arcipelago vulcanico delle Canarie per la tua vacanza vivrai la sensazione unica di fare diving tra colate di lava che hanno dato vita a pareti verticali e grotte in cui vivono coralli, cernie, aquile di mare, pesci palla spinosi e molte altre specie marine. 

A Tenerife, tra oltre cinquanta punti di immersione, sono imperdibili la “Cattedrale” che custodisce una grotta di 20 metri, adatta ai sub più esperti e avventurosi e la visita ai relitti.  

Non mancano sull’isola i siti adatti a tutti, anche a chi ama fare snorkeling, tra coloratissimi pesci di barriera, tartarughe, ricci di mare, cavallucci marini e qualche esemplare di squalo angelo.   

Nelle acque di Lanzarote, oltre alle immersioni da sogno nelle acque meravigliose della riserva naturale de La Graciosa, è possibile andare alla scoperta del primo museo sottomarino europeo 

Esso è stato realizzato dall’artista britannico Jason de Caires Taylor a 15 metri sotto il livello dell’acqua, e alcune delle statue che lo costituiscono, sono così imponenti da essere visibili anche dalla superficie, con maschera e pinne.  

Queste isole magiche godono in ogni stagione di un clima eccezionalmente mite, cosa che le rende la meta perfetta per una vacanza sub tutto l’anno.  

Cosa aspetti allora? Leggi la nostra guida sul blog e scopri l’offerta migliore per organizzare la tua vacanza sub alle Canarie e partire per le isole dell’eterna primavera e i loro affascinanti, ricchissimi fondali.  

 

 

 

AsiaDestinazioniSlider

Immersioni e crociere nell’Oceano Pacifico: un sogno chiamato Filippine  

Con oltre 7000 isole e punti di immersioni per ogni livello di esperienza, le Filippine sono la meta ideale per ogni viaggiatore appassionato di subacquea.  

Questo magnifico arcipelago posto tra Oceano Pacifico e Mare Cinese racchiude in sé tutto quello che si può desiderare da un viaggio sub: spiagge bianchissime, fondali di una bellezza da mozzare il fiato, barriere coralline da esplorare con maschera e pinne, reef profondi e inesplorati e relitti delle navi giapponesi affondate durante la Seconda Guerra Mondiale.  

E ancora un paesaggio vario ed incontaminato, un’accoglienza calda e sorridente e una capitale viva e cosmopolita in contrasto con i piccoli villaggi delle isole più sperdute, in cui il tempo sembra essersi letteralmente fermato.  

Nelle Filippine inoltre è possibile immergersi all’interno di un sistema di reef che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità, all’interno di quello che è noto come Triangolo dei Coralli, la regione con maggiore biodiversità marina al mondo.   

Il sistema del Tubbataha Reef, nella regione di Palawan, ti regalerà emozioni a non finire: qui è possibile incontrare oltre 1300 specie marine, tra cui alcune molto rare come il dugongo e lo squalo volpe, oltre a squali balena, mante, squali martello, pesci pagliaccio e molti altri tesori del mare. 

immersioni alle Filippine

Ormai lo avrai capito, queste isole sono un tesoro da scoprire ad ogni passo: rilassandosi sulla costa, esplorando l’entroterra, nuotando, facendo immersioni e fotografia subacquea oppure imbarcandosi in una delle tante navi da crociera che solcano il mare e regalano l’emozione unica di vivere alcuni giorni a contatto esclusivo con l’acqua e la biodiversità che custodisce.  

Tra le isole più affascinanti ci sono sicuramente Malapascua, Cebu, Palawan, Bohol, Coron e Negros Oriental, ognuna con le sue caratteristiche e i suoi angoli di meraviglia da scovare e in cui lasciare un pezzo di cuore.  

Anche se è possibile fare immersioni in ogni periodo dell’anno, la stagione migliore per farlo è sicuramente quella che va da marzo a luglio, che coincide anche con il periodo in cui gli affascinanti squali balena sono più presenti.  

Se non vedi l’ora di partire anche tu per questo paradiso terrestre in cui cielo e mare ti avvolgono in un caldo abbraccio leggi la nostra guida e scopri le offerte di viaggi e crociere sub riservate per te: le Filippine ti aspettano! 

 

 

 

 

 

AsiaDestinazioniSlider

Viaggio sub alle Maldive: il paradiso (dei sub) non è mai stato così vicino 

Immagina di immergerti nelle acque cristalline delle Maldive, tra iridescenti fondali e barriere coralline popolate da specie marine piene di fascino e bellezza.  

Senti il sole che scalda la tua pelle bagnata mentre passeggi su spiagge candide e ti sdrai all’ombra di alte palme che sembrano toccare il cielo turchese.  

Sali su una delle navi da crociera che solcano i mari maldiviani per vivere qualche giorno a contatto esclusivo con il mare e i suoi tesori.  

Ora apri gli occhi, sorridi e preparati a partire per il tuo viaggio sub alle Maldive, perché questo paradiso terrestre è più vicino di quanto potresti pensare!   

La Repubblica delle Maldive, a ovest dello Sri Lanka e a sud dell’India, ti aspetta con i suoi atolli immacolati, le sue acque calde e trasparenti e una flora e fauna uniche al mondo.  

Le oltre 1000 isole e il 99% di acqua fanno delle Maldive una delle mete più desiderate dagli appassionati di sub, snorkeling e vita marina, ma anche di relax, natura e spiagge da cartolina.  

Per il tuo viaggio sub alle Maldive scegli l’atollo dei tuoi sogni tra quelli di Malè, Ari Sub, Baa, Alifu e gli altri e vivi il tuo sogno ad occhi aperti.  

Qui potrai dedicarti alle immersioni in alcuni dei siti più interessanti e ricchi dell’Oceano Indiano, adatti ad ogni esperienza e tipo di immersione, da quella in thila, a quella in kandu e in laguna 

E se non ami le immersioni a grandi profondità avrai l’opportunità di dedicarti allo snorkeling lungo la barriera corallina e imbatterti così in pesci di barriera, tartarughe, spugne, coralli e altre meraviglie del mare. 

E dopo aver nuotato tra grotte e giardini di anemoni e aver incontrato i sinuosi squali che abitano queste acque, come lo squalo pinna bianca, lo squalo pinna nera, lo squalo grigio, la manta e i fantastici squali balena, sarà il momento di rilassarsi in uno dei resort da sogno dell’arcipelago, famosi in tutto il mondo, per accoglienza e ospitalità.  

Preparati ad innamorarti dei colori magici di queste isole, delle albe e dei tramonti che tolgono il fiato, dei fondali che cambiano aspetto durante le romantiche immersioni notturne e di tutti gli scorci meravigliosi da fotografare e tenere per sempre nella memoria, e nel cuore.  

Sappi che le condizioni dell’acqua e quindi le possibilità di immersioni variano in base al periodo scelto: se vuoi ammirare mante e squali balena farai bene a scegliere la zona ovest in inverno e la zona est nel periodo estivo.  

Ma una cosa è certa: le Maldive sono uno spettacolo assicurato in ogni periodo dell’anno 

Se non vedi l’ora di partire per questo magico arcipelago leggi i nostri articoli su come vivere un viaggio sub alle Maldive e le crociere sub alle Maldive e scopri le nostre offerte per una vacanza sub o una crociera nell’arcipelago dei sogni!  

 

 

 

 

 

 

AfricaDestinazioniSlider

Viaggio sub alle Seychelles tra fondali granitici e squali balena

Un viaggio sub alle Seychelles, noto arcipelago dell’Oceano Indiano, posto tra la grande isola del Madagascar e le coste orientali dell’Africa, regala emozioni ed incontri indimenticabili.  

Le Seychelles sono un paradiso terrestre per gli appassionati di mare e di subacquea: isole coralline e spiagge infinite di candida e finissima sabbia si alternano a coste disseminate di massi granitici per regalare ad ognuno la sua meta ideale per la scoperta dei fondali, il divertimento e il relax.   

Oltre cento isole e infiniti punti di immersione adatti a tutti i livelli di abilità subacquea, da chi ama lo snorkeling a chi vuole provare il brivido di scendere tra reef e canyon granitici, fino a grandi profondità.      

I colori e le tipologie delle rocce che si incontrano sulle isole Seychelles raccontano l’origine vulcanica di questo arcipelago e dei suoi fondali, nei quali è possibile ammirare numerose e affascinanti specie marine tra cui tartarughe marine, cernie, razze, barracuda e squali.  

Lo squalo grigio e i delfini sono avvistabili anche semplicemente facendo snorkeling in queste acque cristalline: un’esperienza che ti lascerà senza parole!  

E ancora le Sychelles stupiscono con la loro tradizione e l’attaccamento del popolo a questo territorio, in gran parte conservato come riserva naturale in cui vivono oltre 150 specie endemiche.  

viaggio sub alle Seychelles

Potrai scegliere di soggiornare in una delle isole più famose, come Mahè, Praslin o La Digue, oppure di salire su una nave da crociera e come un marinaio su un antico veliero andare alla scoperta di questo arcipelago pieno di fascino e di storie da raccontare.   

L’isola di Mahé è la meta ideale per chi desidera fare immersioni alle Seychelles e incontrare iridescenti coralli, splendidi esemplari di squali balena e relitti di navi affondate; sull’isola di Praslin, è possibile immergersi nel sito di Mary Anne e ammirare lo spettacolo dei suoi fondali in cui spesso nuotano gli squali balena.  

Sulla vicina La Digue una baia protetta formata dalla barriera corallina permette anche ai sub meno esperti di nuotare tra tartarughe, piccoli squali, aquile di mare, cernie e molti altri tesori del mare.  

I mesi migliori per vivere l’emozione unica di un viaggio sub alle Seychelles sono aprile, maggio, giugno, ottobre e novembre: in questi periodi il livello di umidità si abbassa e il plancton diminuisce aumentando la visibilità dei fondali.  

Se queste isole ti hanno conquistato non devi far altro che leggere il nostro articolo completo su come organizzare il viaggio sub alle Seychelles perfetto e scoprire l’offerta migliore per volare fino a questo mare da sogno.  

 

AmericaDestinazioniSlider

Viaggio sub in Messico, il posto dove i sogni si realizzano

messico_viaggi

Un viaggio sub in Messico è ciò che di più vicino ci sia all’idea di paradiso per ogni appassionato di subacquea. Questo enorme stato, offre una scelta pressoché infinita di fantastici luoghi da esplorare, acque calde e cristalline, misteriosi cenotes, centinaia di siti di immersione e una varietà unica al mondo di creature marine di ogni forma e colore. Una meravigliosa realtà che supera anche la più fervida immaginazione!

Il Mare di Cortez, definito dall’oceanografo Jacques Cousteau “l’acquario del mondo”, è il mare più ricco di biodiversità di tutto il mondo. Da secoli, le balene scelgono queste acque per svernare e per dare alla luce i propri piccoli: un vero eden per gli amanti del whale watching.

In uno degli ambienti marini più spettacolari esistenti, durante tutto l’anno, avrai il privilegio di ammirare 850 specie acquatiche tra cui razze giganti, mansueti squali balena, megattere, balenottere azzurre, capodogli, giocosi leoni marini e balene grigie.

Immergiti nelle bellissime acque dell’isola di Cozumel, definite Jacques Cousteau come una delle località più spettacolari in cui praticare immersioni. Qui troverai una parte della più belle barriere coralline del pianeta, con oltre 40 punti di immersione adatti a tutti. Una visibilità di ben 60 metri ti permetterà di ammirare coloratissimi pesci tropicali che nuotano leggiadri tra stupendi coralli, grotte e i canyon sottomarini.

Scopri le barriere coralline e gli spettacolari cenotes della Riviera Maya, dove troverai ad accoglierti oltre 500 specie marine, nella barriera corallina più grande dell’emisfero boreale (circa 965 chilometri). In questo angolo di paradiso centinaia di specie marine nuotano indisturbate nelle calde e accoglienti acque caraibiche: pesci tropicali, mante giganti, delfini e squali balena ti spettano per regalarti un’esperienza magica e indimenticabile.

Durante il tuo viaggio sub in Messico, lasciati incantare dalle grandi migrazioni degli squali balena a Isla Mujeres o dai feroci squali toro a Playa del Carmen; gioca con i simpaticissimi leoni marini a Isla San Pedro; ammira l’eleganza delle megattere e delle mante giganti dell’isola di Socorro; immergiti con il grande squalo bianco che regna nelle acque di Guadalupe; esplora spettrali relitti adagiati nelle profondità e lasciati incantare dal museo sottomarino di Cancun.

viaggio sub in Messico

Se invece preferisci l’acqua dolce, immergiti in uno dei tantissimi cenotes che costellano la penisola dello Yucatán. Le affascinanti profondità di queste grotte incantate, bacini naturali di acqua cristallina e luoghi sacri per gli antichi Maya, attirano ogni anno migliaia di visitatori da ogni angolo del pianeta.

Poche altre zone al mondo vantano le stesse bellezze sottomarine del Messico. Entrambe le sue coste sono mete ideali per tutti gli amanti della subacquea e dello snorkeling, ad ogni livello di esperienza. Lo Yucatan e il lato est della Baja California, essendo generalmente protetti da forti correnti, presentano ottimi siti di immersione per i principianti. Al contrario, le immersioni nelle isole a largo, come Guadalupe e Socorro, dovrebbero essere tentate solo da subacquei esperti a causa delle correnti impetuose. Anche alcuni cenotes, nonostante l’apparenza, richiedono elevate abilità subacquee e tecniche.

Il periodo ideale per una vacanza sub in Messico, va da ottobre a maggio, ma il mese perfetto è novembre quando le piogge finiscono e l’alta stagione (dicembre-aprile) deve ancora iniziare. Se invece quello che sogni è un viaggio sub in Messico lontano dalla folla e dal caos, il periodo ideale per te è tra maggio e settembre.

Che aspetti?! Clicca qui per sapere di più su questo sorprendente stato o scopri subito le nostre offerte diving e  le offerte crociera e prenota subito il tuo viaggio sub in Messico. Ándale!!!

AfricaDestinazioniSlider

Vacanza sub in Mar Rosso, il paradiso sottomarino

Mar Rosso

Una vacanza sub in Mar Rosso è il sogno di ogni sub o snorkeler che si rispetti. Questo mare, considerato una delle sette meraviglie del mondo sottomarino, è sinonimo di emozionanti immersioni in magnifici fondali, caratterizzati da coloratissime barriere coralline popolate da pesci di ogni forma e colore.

Distese di spiagge sabbiose, in un lento degradare, penetrano in un mare cristallino dalle profondità incontaminate, dove nuotano creature di straordinaria bellezza e relitti incantati riposano tranquilli nel divenire del tempo.

Il suo isolamento geografico, nel corso dei secoli ha dato vita ad un ecosistema marino unico al mondo che ti permetterà di osservare più di 170 specie di coralli, infinite varietà di pesci di barriera e alcuni tra i grandi predatori dei mari.

Praticare diving in Mar Rosso, oltre ad essere un’esperienza emozionante e indimenticabile, è semplicissimo, poiché i siti si immersione e di dive center sono davvero centinaia e sparsi ovunque.

Non si può parlare di questo mare senza parlare dell’Egitto, tappa imperdibile della tua futura vacanza sub in Mar Rosso. Questa terra vanta una barriera corallina dai colori sgargianti e pullulante di pesci (circa 800 specie), tartarughe marine, delfini, oltre ai maestosi squali balena, squali martello, squali grigi e squali tigre e squali pinna bianca. Anche gli amanti dei relitti e della fotografia subacquea qui non resteranno assolutamente delusi.

Le immersioni in Egitto sono possibili tutto l’anno ma, per quanto riguarda gli avvistamenti, potrete ammirare delfini, dugonghi e tartarughe tutto l’anno, mentre il periodo migliore per lo squalo balena va da maggio a novembre e per le mante da marzo a settembre.

Anche il Sudan, benché meno rinomato del vicino Egitto, offre un considerevole numero di bellissimi punti di immersione caratterizzati da splendide barriere coralline, dove potrete ammirare soprattutto squali martello, ma anche squali tigre e pinna bianca, squali grigi, pesci pelagici, carangidi e tonni. Il periodo migliore per fare delle vacanze sub in Sudan è sicuramente quello che va da dicembre a maggio.

vacanza sub in Mar Rosso-Sudan

Situato nel sud del Mar Rosso, il piccolo stato di Gibuti è bagnato dalle acque dell’Oceano Indiano e da quelle del Mar Rosso e per questo i suoi fondali risentono dell’influenza di entrambi i mari che vanno a mescolarsi tra loro. Questo ha dato vita ad un ecosistema caratterizzato da un’incredibile varietà di pesci e coralli, ma soprattutto dalla presenza, da ottobre-novembre a gennaio-febbraio, di un consistente gruppo di squali balena che si radunano all’interno del Golfo del Tadjoura per nutrirsi: uno spettacolo magnetico, una giostra continua, una danza che vi lascerà senza parole.

Scopri le offerte diving e le offerte crociera dedicate al Mar Rosso, oppure clicca qui per avere maggiori informazioni su questa meta paradisiaca!