Maldive

AsiaDestinazioniSlider

Viaggio sub alle Maldive: il paradiso (dei sub) non è mai stato così vicino 

Immagina di immergerti nelle acque cristalline delle Maldive, tra iridescenti fondali e barriere coralline popolate da specie marine piene di fascino e bellezza.  

Senti il sole che scalda la tua pelle bagnata mentre passeggi su spiagge candide e ti sdrai all’ombra di alte palme che sembrano toccare il cielo turchese.  

Sali su una delle navi da crociera che solcano i mari maldiviani per vivere qualche giorno a contatto esclusivo con il mare e i suoi tesori.  

Ora apri gli occhi, sorridi e preparati a partire per il tuo viaggio sub alle Maldive, perché questo paradiso terrestre è più vicino di quanto potresti pensare!   

La Repubblica delle Maldive, a ovest dello Sri Lanka e a sud dell’India, ti aspetta con i suoi atolli immacolati, le sue acque calde e trasparenti e una flora e fauna uniche al mondo.  

Le oltre 1000 isole e il 99% di acqua fanno delle Maldive una delle mete più desiderate dagli appassionati di sub, snorkeling e vita marina, ma anche di relax, natura e spiagge da cartolina.  

Per il tuo viaggio sub alle Maldive scegli l’atollo dei tuoi sogni tra quelli di Malè, Ari Sub, Baa, Alifu e gli altri e vivi il tuo sogno ad occhi aperti.  

Qui potrai dedicarti alle immersioni in alcuni dei siti più interessanti e ricchi dell’Oceano Indiano, adatti ad ogni esperienza e tipo di immersione, da quella in thila, a quella in kandu e in laguna 

E se non ami le immersioni a grandi profondità avrai l’opportunità di dedicarti allo snorkeling lungo la barriera corallina e imbatterti così in pesci di barriera, tartarughe, spugne, coralli e altre meraviglie del mare. 

E dopo aver nuotato tra grotte e giardini di anemoni e aver incontrato i sinuosi squali che abitano queste acque, come lo squalo pinna bianca, lo squalo pinna nera, lo squalo grigio, la manta e i fantastici squali balena, sarà il momento di rilassarsi in uno dei resort da sogno dell’arcipelago, famosi in tutto il mondo, per accoglienza e ospitalità.  

Preparati ad innamorarti dei colori magici di queste isole, delle albe e dei tramonti che tolgono il fiato, dei fondali che cambiano aspetto durante le romantiche immersioni notturne e di tutti gli scorci meravigliosi da fotografare e tenere per sempre nella memoria, e nel cuore.  

Sappi che le condizioni dell’acqua e quindi le possibilità di immersioni variano in base al periodo scelto: se vuoi ammirare mante e squali balena farai bene a scegliere la zona ovest in inverno e la zona est nel periodo estivo.  

Ma una cosa è certa: le Maldive sono uno spettacolo assicurato in ogni periodo dell’anno 

Se non vedi l’ora di partire per questo magico arcipelago leggi i nostri articoli su come vivere un viaggio sub alle Maldive e le crociere sub alle Maldive e scopri le nostre offerte per una vacanza sub o una crociera nell’arcipelago dei sogni!  

 

 

 

 

 

 

AsiaDestinazioni

Diving alle Maldive, immersioni da sogno nell’Oceano Indiano

Tutti gli appassionati di subacquea, snorkeling e vita marina vorrebbero, almeno una volta nella vita, vivere l’emozione di fare diving alle Maldive, un vero e proprio paradiso nel cuore dell’Oceano Indiano.

La Repubblica delle Maldive, a ovest dello Sri Lanka e a sud dell’India, si sviluppa su 1.192 isole di origine corallina e calcarea articolate lungo una doppia catena di 26 atolli. Le acque calde e trasparenti e l’abbondanza di barriere coralline ricche di pesci tropicali, squali e tartarughe, fanno delle Maldive una delle destinazioni top per le crociere ed i viaggi sub in tutto il mondo.

Albe e tramonti favolosi, colori accesi, mare turchese, acque cristalline, spiagge bianche di sabbia candida e una rigogliosa e varia fauna marina. E ancora, resort da sogno, diving centers specializzati, accoglienza speciale. Questo e tanto altro renderanno il vostro viaggio sub alle Maldive un’esperienza indimenticabile!

Un arcipelago incontaminato, un vero e proprio angolo di paradiso sulla terra, composto da centinaia e centinaia di isole ma, soprattutto, per il 99% da acqua; ideale per le immersioni subacquee ma anche per chi ama lo snorkeling.

Gli appassionati di fotografia subacquea potranno vivere l’esperienza unica di fare immersioni notturne e scoprire fondali di una bellezza unica: grotte, spaccature e passaggi ricoperti da giardini di anemoni e gorgoni che vi lasceranno senza fiato!

Diving alle Maldive: i punti più famosi

Tra le mete più rinomate per un viaggio sub alla Maldive ci sono senza dubbio gli atolli di Malè Nord e Malè Sud con la capitale Malè che merita una visita per entrare in contatto con la cultura e le tradizioni di questo arcipelago unico al mondo.

Tra le altre mete da non perdere ricordiamo l’atollo di Ari Sud (qui e qui le offerte per scoprirlo), l’Atollo di Baa e l’atollo di Rasdhoo. 

Per quanto riguarda i punti di immersione alle Maldive essi sono praticamente infiniti e tutti pieni di meravigliose da scoprire. Non esiste un punto migliore o peggiore dove fare immersioni, l’importante è rivolgersi ai diving locali e ad operatori che siano grandi conoscitori di queste splendide acque. Di seguito vi segnaliamo una selezione dei punti più famosi per fare immersione:

Embodhoo kandu: area marina protetta situata nella parte Sud dell’atollo di Malè. Questo kandu raggiunge una profondità che va dai 12 ai 40 metri ed è considerato da molti il migliore per le immersioni in tutto mondo.

Gurahidoo kandu: ancora a Malè, ancora un’area protetta, ancora kandu. La profondità varia dai 14 ai 40 metri. Alcuni sub lo ritengono addirittura più bello di Embodhoo.

Kalhahandi kandu: definito dai subacquei nostrani il “Panettone” a causa della sua forma, questo sito di immersione, nella parte Sud dell’atollo di Ari è consigliato soprattutto per sub esperti a causa delle forti correnti ed è rinomato per la spettacolarità delle formazioni coralline.

Banana reef: situato nella parte Nord di Malè, con una profondità che varia dai 5 ai 30 metri, è in assoluto uno dei siti più popolari per le immersioni alle Maldive.

Shipyard: nel canale che separa l’isola di Felivaru da quella di Gaaerifaru, il “cimitero delle navi” deve il suo macabro nome alla presenza di non uno, ma ben due relitti di pescherecci lunghi 30 metri. Ciò che rende famoso e spettacolare questo sito è anche la posizione di questi due relitti: mentre uno riposa sul fondo adagiato su di un fianco, l’altro si è posato verticalmente sul fondale ed ha la prua che sporge prepotentemente dalla superficie dell’acqua. Un paradiso per gli amanti di questo tipo di immersioni!

Diving alle Maldive: i tipi di immersione possibili

I viaggi diving alle Maldive vi permetteranno di vivere tante esperienze uniche, offrendovi una grande varietà di tipi di immersione. I siti di immersione infatti sono più di un centinaio e variano per la tipologia di immersione. Vediamone alcune:

Immersione in thila

Le thila sono formazioni coralline sommerse che, dal fondale, si ergono fino a 5-15 metri dalla superficie dell’acqua. Di varie dimensioni, la cima di queste vere e proprie montagne sottomarine è ricoperta da coralli e quindi da vita marina, mentre le pareti sono ricche di grotte e sporgenze. Quando la cima è molto vicina alla superficie dell’acqua sono chiamate giri e costituiscono il perimetro degli atolli.

Immersioni in kandu

Ovvero immersioni all’ interno del passaggio che collega la laguna interna dell’atollo al mare aperto. Ogni atollo può averne anche più di uno e questi sono i punti di immersione migliori per chi ama immergersi in acque con forti correnti, perfette per incontrare grandi pesci pelagici attratti dal plancton che prolifera al loro interno.

Immersioni in laguna

Una volta varcata la soglia del kandu, si entra nel piccolo mare dell’atollo. Solitamente non è molto profondo, per questo è l’ambiente ideale per i corsi sub e per chi vuole vivere un primo approccio con le immersioni in un vero e proprio paradiso terrestre.

Viaggi sub alle Maldive: le esperienze per chi non fa immersioni

Non solo diving alle Maldive ma mille altre esperienze da vivere insieme per una vacanza indimenticabile a contatto con un mare straordinario!

Anche se non siete amanti delle immersioni in profondità e preferite altri tipi di esperienze infatti non potete andare alle Maldive senza immergervi anche solo con maschera e boccaglio e scoprire con i vostri occhi il meraviglioso spettacolo che si apre davanti a voi, in quelle acque cristalline e ricchissime.

Potrete andare alla scoperta delle barriere coralline che si trovano solo nei mari tropicali, in acque tiepide e poco profonde. Esse sono abitate da organismi vegetali invertebrati, come madrepore, meduse, spugne, stelle marine, conchiglie e polipi e da vertebrati come pesci chirurgo, pesci angelo, pesci farfalla, pesci balestra, pesci palla, pappagallo, cernie, murene e molto altro ancora.

Oltre all’emozione di nuotare tra infinite specie di pesci tropicali dai mille colori potrete anche ammirare tartarughe e squali che si muovono tranquillamente all’interno del loro habitat naturale.

Tra gli squali che si possono avvistare anche semplicemente facendo snorkeling ricordiamo lo squalo pinna bianca, lo squalo pinna nera, lo squalo grigio, l’aquila di mare, la manta e lo squalo leopardo.

Un’esperienza che vi consigliamo di fare è sicuramente una crociera sub alle Maldive: imbarcarvi su una nave di questo genere vi permetterà di vivere qualche giorno fuori dal mondo, a contatto con mare e cielo, immersi nel turchese di queste acque favolose e incontaminate, alla scoperta di uno dei fondali più belli e vari del mondo.

Viaggi sub alle Maldive: flora e fauna

La flora delle Maldive è ricca di palme da cocco, mangrovie e alberi da frutta tropicale come mango, lime, banana e papaya. Diffusissimi sono anche i fiori: in tutto l’arcipelago se ne contano oltre 60 specie, di cui 20 endemiche. La fauna terreste è composta in prevalenza da uccelli, come aironi e aquile pescatrici e da insetti e rettili di vario genere.

La fauna marina è tra le più ricche e varie al mondo. Oltre ai diversi pesci tropicali che vivono nelle barriere coralline si trovano anche cernie, mante, trigoni, razze, barracuda, tonni, marlin e diversi tipi di squali, tra cui squali pinna bianca e pinna nera, squali martello e squali balena.

Viaggi diving alle Maldive: quando andare

Alle Maldive possiamo individuare due principali stagioni climatiche: quella umida che inizia a maggio e termina a novembre e quella secca che inizia a novembre e termina ad aprile.

Le condizioni dell’acqua e quindi le possibilità di immersioni variano in base al periodo scelto: da dicembre ad aprile, l’acqua è più limpida ad est ed in generale le condizioni climatiche sono migliori. Nei periodi estivi, l’acqua è più pulita ad ovest ed il mare è più mosso con possibilità di cambiamenti repentini delle condizioni atmosferiche.

Proprio per questo, se sceglierete di vivere l’esperienza unica di un viaggio sub alle Maldive ricordate che per ammirare in immersione mante e squali balena è consigliabile soggiornare nei villaggi del lato ovest degli atolli durante la stagione invernale e in quelli del lato est nel periodo estivo.

Una cosa è certa: le Maldive sono uno spettacolo assicurato. Durante tutto l’anno infatti è possibile fare immersioni, snorkeling e crociere per vedere tartarughe, murene, polpi, pesci pipistrello, squali nutrice, squali chitarra, pinna nera e grigi.

Cosa aspettate? Scoprite le nostre offerte per le Maldive e richiedete un preventivo per volare in questo arcipelago magico e immergervi nelle sue acque spettacolari!

Diving Tips

Immersioni con gli squali: un’emozione da non perdere

immersioni con gli squali

Praticare immersioni con gli squali è una delle emozioni più grandi per qualsiasi sub. Un’esperienza unica ed estremamente affascinante. Un’avventura adrenalinica e ai limiti del coraggio, a causa dell’idea comune che associa lo squalo alla figura di un animale aggressivo e imprevedibile.

È importante però precisare che non tutti gli squali sono pericolosi per l’uomo: lo squalo infatti, per sua natura, non si nutre di carne umana. Spesso però, la notizia riguardante lo sporadico attacco di uno squalo ai danni dell’uomo, fa il giro del mondo, trasformando un semplice pesce cartilagineo in un killer spietato. Un’immagine che non si addice alla realtà, dal momento che statisticamente gli squali uccidono solo dieci persone l’anno: 50.000 persone in meno rispetto alle vittime delle zanzare.

È chiaro che accanto ad alcuni squali, praticamente innocui per l’uomo, come lo squalo balena e lo squalo volpe, ce ne sono altri invece, che potrebbero diventare pericolosi se stuzzicati, come il famigerato squalo bianco oppure lo squalo tigre.

Ma se si seguono alcune regole di comportamento durante le immersioni con gli squali, l’incontro con questi grandi abitanti dei mari non può che essere eccitante ed entusiasmante.

Dove è possibile quindi nuotare con queste intriganti creature? Abbiamo stilato una lista dei luoghi migliori dove praticare immersioni con gli squali.

Immersioni con gli squali alle Azzorre 

Immerse nell’Oceano Atlantico e appartenenti al Portogallo, le Isole Azzorre sono un arcipelago di nove isole di origine vulcanica. La possibilità di incontrare gli squali mako, verdesca e pelagici, creature schive che si aggirano soltanto in mare aperto, contribuisce a rendere questa esperienza sub unica e meravigliosa.

Lo squalo mako infatti è solito nuotare solitario e in acque profonde, ma alle Azzorre è possibile tuffarsi in sua compagnia. Discorso diverso per lo squalo verdesca, che a causa della pesca è a rischio estinzione. Quale migliore occasione quindi per vederlo da vicino? Quando? Il periodo migliore per osservare questi sorprendenti animali e fare immersioni con gli squali alle isole Azzorre va da inizio luglio a metà ottobre. Cliccate qui per maggiori informazioni e preparate la valigia!

Immersioni con gli squali in Messico e alle Bahamas 

Le immersioni con gli squali in Messico non deludono mai. Nelle sue acque e precisamente nella penisola dello Yucatan, è possibile nuotare fianco a fianco con il meraviglioso, nonché innocuo, squalo balena.

Quest’ultimo è il pesce più grande al mondo, ma contrariamente alla sua stazza, è una creatura tranquilla e per niente pericolosa per l’uomo. Le immersioni a Playa del Carmen invece, assicurano affascinanti incontri con lo squalo toro. Con la sua mole massiccia ed i suoi denti curvi, può incutere timore, ma in realtà è un animale abbastanza docile e attacca l’uomo solo se infastidito. Molto più piccolo rispetto allo squalo balena, lo squalo toro, può raggiungere una lunghezza massima di 3.2 metri. È facile scorgerlo in superficie oppure vicino alle coste. L’avventura in Messico termina a El Bajo, con le spettacolari immersioni con banchi di squali martello e squali balena che nuotano indisturbati sui fondali sabbiosi. Pronti a fare la loro conoscenza? Cliccate qui!

Con 700 isole e 2400 cays, le Bahamas sono un paradiso terrestre per gli appassionati della subacquea. Chi vuole essere sicuro di incontrare l’abitante più affascinante del mare, scegliendo le Bahamas, avrà la possibilità di vederne una dozzina in un solo giorno. Nei pressi delle isole, soprattutto negli angoli delle coste del Tongue of the Ocean, New Providence, Exuma Cays e le scogliere esterne delle Isole Abaco, è possibile effettuare immersioni con gli squali nutrice, naso nero, tigre e martello.

Immersioni con gli squali in Sudan e Sudafrica

Chi desidera immergersi in compagnia dello squalo per antonomasia, non può non scegliere il Sudafrica. L’incontro con il famigerato squalo bianco, infatti, è quasi scontato. I centri organizzano spesso immersioni in gabbia a Gansbaai, nella parte orientale di Cape Town. Lo squalo bianco è lo squalo più curioso di tutti ed è in grado di uscire dall’acqua con salti spettacolari quando afferra la preda. Ma le sorprese non terminano qui. A Cape Town è possibile effettuare immersioni con lo squalo manzo naso largo, uno squalo abbastanza raro.

Per essere certi invece di effettuare immersioni con gli squali martello basta immergersi nel Mar Rosso, in Sudan. A bordo di una fantastica nave da crociera, è possibile ammirare queste creature particolari che sfruttano la singolare forma della loro testa per individuare meglio la preda.

immersioni con gli squali

Immersioni con gli squali alle Maldive 

Tra le destinazioni più famose al mondo per le immersioni con gli squali, configurano sicuramente le Maldive. Tra i punti di immersione con gli squali più rinomati il MaayaThila, definita la capitale degli squali pinna bianca. Questo squalo, da non confondere con lo squalo oceanico pinna bianca, prende il nome dal colore bianco delle due pinne dorsali e di quella caudale e può raggiungere fino a 210 centimetri di lunghezza.

Imperdibili anche le immersioni con gli squali nutrice presso l’Atollo di Baa. Questi ultimi, noti per essere relativamente lenti, posseggono una pelle molto dura e passano buona parte della giornata a riposarsi sui fondali, in caverne o in crepacci.

Immersioni con gli squali alle isole Fiji 

Un arcipelago con più di 330 isole circondate dall’Oceano Pacifico. Caratterizzate da acqua cristallina e un clima ideale per fare immersioni tutto l’anno, le isole Fiji sono la casa di delfini, squali balena, squali martello e il famosissimo squalo bianco. Squali balena e squali martello, in particolare, hanno preso dimora nella parte nord dell’isola di Viti Levu, nei pressi della Sunshine Coast.

 

Diving Tips

Viaggi sub invernali: le migliori destinazioni diving per immergersi anche in inverno

Bahamas

I viaggi sub invernali sono spesso causa di dubbi. Si sa che l’estate termina sempre troppo presto, mentre la voglia di immersioni non si esaurisce mai. L’inverno, per gli appassionati di immersioni e snorkeling, è sempre il periodo più problematico per la scelta delle location. Immergersi nei nostri mari, in questi mesi, a causa delle basse temperature, sarebbe un’esperienza ancora più da brividi del solito. Questo impone, ai meno temerari, migrazioni verso lidi più caldi e accoglienti.

Ecco per voi i viaggi sub invernali più belli, dove il freddo non sarà altro che un lontano ricordo.

Viaggi sub invernali: le migliori destinazioni

Australia

Lontana, bella e ricca di luoghi incontaminati. È impossibile tornare da una vacanza in Australia ancora stressati dopo essersi immersi nelle sue acque e aver goduto della bellezza della Grande Barriera Corallina. I siti di immersione sono davvero tanti e i fondali di questa misteriosa terra ospitano relitti (uno dei più famosi, quello della nave SS Yongala, facilmente raggiungibile da Townsville), mante, tartarughe marine, i buffi dugonghi e i dolcissimi delfini nelle acque di Lighthous Bay. Dal Queensland è possibile raggiungere isole da sogno quali, Heron Island e Lizard Island, oppure Hamilton Island, dove rimarrete folgorati dalla quantità dei colori creati dalla varietà del suo popolo marino.

L’abitante più affascinante delle acque australiane è senza dubbio il re degli squali: il grande squalo bianco, visibile soprattutto nella zona del Ningaloo Reef (sito in cui la barriera è più vicina alla riva e quindi adatta anche allo snorkeling). Il periodo migliore per fare una vacanza sub in Australia va da dicembre a maggio. E allora perché non approfittare delle vacanze natalizie per trascorrere un 25 dicembre speciale costruendo un bel pupazzo di sabbia sulla spiaggia?

Bahamas

Spiagge incantevoli, un mare di un incredibile colore blu, acqua calda, una sorprendente barriera corallina e una grande quantità di specie di pesci. Questo il tesoro nascosto nelle acque oceaniche delle Bahamas. Il luogo più famoso, è Long Island, grazie a spettacolari siti di immersione e alla presenza del bonefishing. A seguire la Grand Bahamas Island, dimora di uno dei sistemi di grotte sottomarine più grandi del mondo e di tre parchi nazionali. Tra le tappe preferite anche le (costose) Barry Islands. Dalle loro magnifiche spiagge è facile osservare rondini di mare, pellicani e sterne. Se sei però un sub che ama immergersi in tranquillità e solitudine, Cat Island è l’isola delle Bahamas che fa per te.

I più intraprendenti e coraggiosi possono provare ad immergersi tra Eleuthera e l’isolotto di Current e provare il brivido di farsi trasportare dalle forti correnti create delle maree lungo un canale largo 90 metri.

Le Bahamas, composte da 700 isole e 2400 cays, offrono esperienze adatte ad ogni tipo di subacqueo. Curiosi? Preparate la valigia e scegliete l’isola che preferite!

Maldive

C’è chi dice che non è Natale senza Maldive. Il binomio tra la celebrazione della nascita Gesù e lo stato a sudovest dell’India è ormai entrato nelle nostre abitudini tanto quanto la tombola. Le acque limpide, la sabbia candida, i fondali corallini particolarmente ricchi e la possibilità di incontri con grossi pelagici sono le ragioni per cui questo binomio è destinato a durare a lungo.

Tra i viaggi sub invernali, le Maldive, immerse nel Mar Indiano, sono il paradiso tropicale per eccellenza, isole incontaminate con lunghe spiagge bianche lambite da un mare cristallino. Composte da 26 atolli, vantano circa un centinaio di siti di immersione, tutti con fondali spettacolari. Tuttavia per la fuga invernale è preferibile dirigersi verso le isole orientali, dove in questo periodo dell’anno l’acqua è più limpida.

Le Maldive hanno una stupefacente barriera corallina e una grande biodiversità marina. Immergendosi non si può non rimanere estasiati dall’esplosione di colori sgargianti che popolano i fondali maldiviani. Un modo per godersi al meglio tutto quello che queste terre offrono è fare una crociera sub, così da poter vivere le Maldive a 360°.

Filippine

Tra i migliori viaggi sub invernali dove fare immersioni: le Filippine. Una destinazione sicuramente molto ambita dai sub. Al centro del Triangolo dei Coralli, le Filippine offrono un panorama sommerso in grado di accontentare anche i subacquei più esigenti. Tra i siti più famosi vi è il Tubbataha Reef, nella regione di Palawan (nominato “UNESCO World Heritage Site”), dove è possibile nuotare accanto a tartarughe marine, cavallucci marini e l’enorme squalo balena. A proposito di squali, nell’isola di Malapascua, è facile incontrare uno dei predatori più affascinanti, lo squalo volpe. Da non perdere anche la barriera corallina di Apo Reef e i relitti di Coron. Ma non è finita qua: l’isola di Mindoro e Puerto Galera sono perfette soprattutto per gli appassionati della macrofotografia. Anche chi fa snorkeling non rimarrà deluso dalle Filippine. El Nido, infatti, è un’ottima zona per praticare questo sport e per ammirare alte costiere calcaree.

Thailandia

Sicuramente uno dei paesi più ricchi di tradizione, la Thailandia è una meta gettonata da divers e non, ed offre meravigliosi siti di immersione tutto l’anno. Il Mare delle Andamane custodisce una sorprendente flora e fauna marina. Nello specifico, al nord di questo mare, si trova il sito più famoso della Thailandia, Richelieu Rock. Imperdibili anche Koh Bon e Koh Bon Pinnacle. Non dimentichiamo, inoltre, le spettacolari isole Similan, un parco marino ricco di gorgonie e coralli. Il periodo migliore per fare immersioni a nord della Thailandia va da novembre a dicembre, ottimo per prolungare la tua estate e scappare dal freddo della città. Se preferite anticipare di un po’ l’estate partendo a marzo, allora potete optare per il sud della Thailandia e immergervi nei siti nei pressi di Phuket: Koh Dok Mai, Racha Noi e Shark Point. E ancora le isole Phi Phi Krabi, Koh Lanta Yai e Koh Lipe, nonché Pattaya, nel Koh Chang Marine National Park.

I siti di immersione in  Thailandia sono infiniti, l’unica cosa da fare è prendere muta, pinne e bombole e partire alla scoperta di questi luoghi fantastici.

Seychelles

Calde tutto l’anno, le Seychelles, offrono immersioni emozionanti in luoghi stupefacenti. Con una particolare attenzione alla tutela dell’ecosistema, queste isole hanno preservato panorami spettacolari al di sotto e al di sopra della superficie dell’acqua.

Se siete come San Tommaso e non credete se non vedete, provate ad immergervi all’isola di Mahè, oppure nelle isole Lontane, o ancora, lasciatevi affascinare dalle spiagge bianche e dalle acque cristalline dell’isola di Praslin. Massi di granito rosa in contrasto con spiagge bianche ti accoglieranno a La Digue, un piccolo paradiso terrestre. Qui potrai nuotare tra tartarughe, squali nutrice e pinna bianca, cernie, ma anche aquile di mare, pesci napoleone, pappagalli giganti e barracuda. Circa 115 isole dove potrai trovare tutto quello di cui hai bisogno e dove potrai pregustare quella quiete che per sua natura la città non è in grado di offrirti.

Costa Rica

In Costa Rica puoi scegliere se immergerti ad ovest nell’Oceano Pacifico o ad est dal mar dei Caraibi. Isla del Coco e Playa del Coco sono sicuramente i siti di immersione più famosi del Costa Rica. La prima è famosa per la possibilità di incontrare gli squali martello, la seconda probabilmente è più conosciuta per la sua vita notturna. Piena di siti interessanti e adatti a sub di qualsiasi livello è Drake Bay, nelle cui vicinanze si trova l’isla del Caño: un’area marina protetta dove è possibile ammirare balene megattere, squali pinna bianca e squali balena, oltre ad una miriade di specie di pesci. È indubbio che il Costa Rica sia una delle mete invernali più belle ricca di panorami acquatici fantastici.

Altre destinazioni adatte per i vostri viaggi sub invernali sono il Venezuela, con il meraviglioso arcipelago corallino di Los Roques, la Polinesia (Moorea, Bora Bora, Rangiroa, Huahine, ecc.) e la Micronesia, in particolar modo l’atollo di Palau.

Quindi, se la tua voglia di immersioni al momento è congelata, visita il nostro sito, scegli la meta che più ti ispira prenotare i tuoi viaggi sub invernali o la tua crociera. E se non vuoi stressarti ricercando voli, hotel o centri diving, DiveCircle ha tutto ciò che cerchi.

Diving Tips

Siti di immersione: i 10 più belli del mondo

immersioni-zanzibarPesci dai colori vivaci a Zanzibar

La scelta del punto di immersione dipende da ciò che sapete o non sapete su di esso, dalla vostra curiosità e dalle preparazione tecnica. In questo articolo vorremmo proporvi una lista dei dieci siti di immersione considerati da molti come i migliori al mondo. Li conoscete già?

1. Australia: qui potete fare un’indimenticabile immersione nella Grande Barriera Corallina, la più grande al mondo, tra  coralli ed esemplari di pesci che non troverete da nessun’altra parte;

2. Maldive: ne fanno parte un migliaio di isole di corallo e atolli circondati dalla barriera corallina. Qui si possono incontrare, in certi periodi dell’anno, le mante, gli squali e le tartarughe marine;

3. Sharm el Sheikh: nella più nota delle mete egiziane, ci si può immergere nel Ras Mohammed National Park e in decine di altri magnifici siti lungo il Mar Rosso;

4. Zanzibar: intorno all’isola si possono fare numerose immersioni a 15 e 30 metri di profondità, adatte anche ai neofiti. Anche qui è presente una barriera corallina a dir poco incantevole e ricca di biodiversità;

5. Bali: a Crystal Bay, oltre gli incredibili colori, potreste trovarvi dinnanzi al grande Pesce Luna o ad una manta;

6. Croazia: tra i vari siti di immersione al mondo anche i vicini fondali croati potranno sorprendervi. In questo Paese infatti si trova un paradiso sottomarino con decine di siti di immersione riservati soprattutto ai sub più avanzati;

7. Malta: l’isola, per la sua posizione geografica, offre la possibilità di fare immersioni tutto l’anno. Da non perdere un’immersione anche alla vicina isola di Gozo;

8. Tenerife: nella più grande delle Isole Canarie si possono fare tranquille immersioni ammirando fondali, pareti, relitti ed insenature ricche di fauna marina;

9. Isole Galapagos: un luogo di eccezionale valore naturale. Chissà che durante un’immersione non possiate anche avere la fortuna di vedere uno squalo martello;

10. Cipro: l’immersione tra le più gettonate è quella presso il relitto Zenobia, un grande traghetto adagiato sul fondale, ad una profondità di 42 metri.

Recita un detto: “il mondo è bello perché è vario”. Anche i luoghi sottomarini fanno parte di una bellezza straordinaria che caratterizza il nostro pianeta. Le diversità incredibili che si celano tra le profondità marine ne sono una dimostrazione lampante: viviamole!