AfricaDestinazioniSlider

Viaggi sub in Madagascar tra barriera corallina e grandi mammiferi marini

viaggi sub in Madagascar lasciano un ricordo indelebile, un mix di emozioni indescrivibile, che non è facile raccontare ma che si deve vivere sulla propria pelle.

Circondato dalle acque dell’Oceano Indiano, a largo delle coste sud orientali dell’Africa, il Madagascar, con i suoi 550 mila chilometri quadrati e una popolazione di quasi 15 milioni di abitanti, è la quarta isola più grande del mondo.

Essa è nota anche come “grande isola” o “isola rossa” per il colore rossastro della sua terra dovuto all’alta concentrazione di ferro. 

Da nord a sud, l’isola del Madagascar misura quasi 1.600 km e conta oltre 5000 chilometri di costa. Il suo paesaggio è ricchissimo e varia in continuazione, dalle coste alle montagne passando per le colline e alternando savana, risaie e foreste pluviali.  

Al suo interno è possibile visitare numerosi parchi nazionali che rappresentano oltre il 10% del suo territorio e vi faranno innamorare al primo incontro di questa terra piena di segreti e magia.  

L’isola custodisce una biodiversità incredibile che la rende la meta perfetta per gli amanti della natura, del mare e delle immersioni.  

Viaggi diving Madagascar

A tutti voi, che siate sub esperti oppure semplici appassionati del mondo marino, consigliamo di dirigervi verso nord, in particolare sull’isola di Nosy Be, alla scoperta di angoli di rara bellezza e di stupendi fondali da esplorare.  

Anche il resto del Paese offre tesori unici, come Morondava e Belo-sur-mer, lungo la costa occidentale, famose per le loro spiagge chilometriche o Taolagnaro, meglio conosciuta con il vecchio nome Fort-Dauphin, che nella zona meridionale dell’isola vi attende con le sue interminabili spiagge di sabbia bianca e fine.   

La costa orientale invece è sconsigliata agli amanti dei bagni e delle immersioni per la presenza di numerosi squali e di correnti molto forti e pericolose.  

Il nord del Madagascar: paradiso per i sub (e non solo) 

Come accennato sopra, la zona migliore per appassionati di immersioni e vita marina è sicuramente la costa settentrionale dell’isola che custodisce luoghi di eccezionale bellezza, come Mangily Islandla baia di Diego Suarez, oggi Antsiranana, famosa per la baia pan di zucchero, una delle più affascinanti del mondo intero.   

Tra i tesori della costa settentrionale del Madagascar vi ricordiamo anche il Parco Nazionale di Montagne d’Ambre dove potrete scoprire le particolarità della flora e della fauna locali.  

Tra le mete più gettonate del nord c’è Ankazoberavina, meta perfetta per gli appassionati di sub che potranno vivere l’emozione di immergersi nelle sue acque cristalline alla scoperta di un mondo sottomarino ricchissimo.  

I suoi fondali sono ricchi di formazioni coralline e pesci tropicali, visibili anche a basse profondità. Questa meta è consigliata dunque anche ai sub meno esperti: qui infatti le immersioni sono abbastanza semplici ma ciò non sminuisce certo la bellezza e unicità dell’esperienza, soprattutto se vissuta in un luogo incantato come questo.   

I non sub potranno vivere altre esperienze straordinarie come l’avvistamento di megattere e balene; Ankazoberavina infatti è la patria dei grandi mammiferi marini.   

A poca distanza dalla costa nord occidentale del Paese si incontra Nosy Be, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni! L’isola è sede di numerosi villaggi di tour operator italiani, nonché meta ideale per chi vuole ammirare balene e delfini nel loro habitat naturale.  

Anche chi non ama le immersioni in profondità qui avrà l’imbarazzo della scelta. Grazie a Divecircle infatti è possibile organizzare e vivere numerose esperienze a contatto con il mare, come il whale watching, lo snorkeling, esplorazione delle barriere coralline, immersioni e molto altro ancora.  

Se sceglierete il Madagascar conoscerete un’oasi incontaminata lontano dal caos, costellata di montagne, colline e foreste pluviali, con coste frastagliate, spiagge affascinanti e acque di mille sfumature di blu, celeste e turchese in cui praticare gli sport più disparati, dal windsurf alla vela, e vivere mille esperienze e avventure straordinarie.  

La flora e la fauna da scoprire nei viaggi sub in Madagascar

Il Madagascar è un paradiso per gli amanti del mare proprio perché le sue acque cristalline sono abitate da numerosissimi esemplari, anche molto particolari che sub e non sub avranno l’opportunità di ammirare da vicino grazie ad immersioni, giri in battello per whale watching e snorkeling.  

Sull’isola è possibile fare immersioni tutto l’anno, con caratteristiche e dettagli diversi in base ai mesi, alle condizioni dell’oceano.

Nei fondali del Madagascar potrete incontrare numerose specie di pesci tropicali, tartarughe, squali balena, squali grigi, delfini, balene, globicefali, mante, barracuda, tonni e cernie giganti, per la gioia dei vostri occhi e dei vostri sensi.   

Le tartarughe sono concentrate soprattutto sulla piccola, deliziosa isola di Iranja Kely, nota proprio come isola delle tartarughe. Essa è in realtà formata da due isole, Nosy Iranja Bè e Nosy Iranja Kely, collegate tra loro da una lunga striscia di sabbia bianchissima e circondate da acque limpide che custodiscono una barriera corallina ricca e viva.  

Se sceglierete uno dei nostri viaggi sub in Madagascar molto probabilmente avrete anche la possibilità di vivere il momento della schiusa delle uova di tartaruga e della corsa delle neonate verso l’acqua del mare: uno spettacolo unico e davvero emozionante!  

Anche la flora e la fauna terrestri regalano grandi emozioni. L’isola del Madagascar infatti racchiude in sé il 5% della fauna e della flora di tutto il mondo: una vegetazione che varia sensibilmente al variare del paesaggio, dalle regioni costiere, alle zone pluviali fino alle montagne tropicali.

L’elemento di spicco della flora del Paese è sicuramente il baobab, che trova la sua massima espressione lungo la famosa Avenue des Baobab, lunga quasi 200 chilometri. Questa strada è così particolare e custodisce esemplari secolari di baobab, da aver meritato il titolo di Monumento Naturale del Paese. Inoltre troviamo anche un grande numero di specie di palme, orchidee e cactus.  

Tra la fauna presente in Madagascar non si possono non citare i lemuri: sull’isola se ne incontrano oltre 102 specie, che vivono in grandi colonie. Essi sono ormai abituati alla presenza dell’uomo e non è insolito che escano dalle foreste per raggiungere le spiagge piene di turisti.  

Sull’isola e in particolare nelle sue foreste vive un altro unico animale che non è possibile rintracciare in nessun’altra parte del mondo: il Fossa. Simile ad un piccolo puma esso fa parte della famiglia dei viverridi, come genette e manguste.  

Molto diffusi anche i camaleonti e tantissime diverse specie di uccelli che fanno del Madagascar un paradiso del birdwatching.  

Viaggi sub in Madagascar: quando andare  

Il clima del Madagascar è subtropicale, con una stagione calda e piovosa da novembre ad aprile, ed una stagione secca e fresca da maggio a ottobre.  

La stagione turistica in Madagascar inizia ad aprile, subito dopo il periodo dei cicloni e termina a dicembre. Se state pensando di raggiungere quest’isola delle meraviglie ci sentiamo di sconsigliarvi solamente i mesi tra gennaio e marzo, quando le forti piogge rendono più complicati gli spostamenti tra le piccole isole, alcune zone sono completamente isolate, molti alberghi e strutture ricettive chiudono e il nord è frequentemente battuto da cicloni.  

Il periodo migliore per organizzare uno dei nostri viaggi sub in Madagascar è quello che va da settembre a dicembre, quando le temperature sono calde e le piogge davvero scarse ed è possibile imbattersi nelle balenottere azzurre che attraversano il canale del vicino Mozambico. Il periodo è perfetto anche per l’osservazione della fauna terrestre locale: camaleonti, serpenti e roditori infatti non sono ancora in letargo e avrete l’occasione di ammirare le meraviglie dei numerosi parchi nazionali.  

Se arrivate sull’isola tra maggio e giugno vivrete in prima persona la stagione del raccolto del riso sugli altopiani, un evento di grande effetto che permette di entrare in contatto con un importante tradizione locale.  

Se avete le ferie tra luglio ed agosto, picchi dell’alta stagione, non avrete comunque nessun problema: troverete temperature gradevoli e acque limpide e pronte a stupirvi con i loro tesori.  

Attenzione però! I viaggi sub in Madagascar vanno certamente programmati per tempo in modo da trovare le migliori offerte: muovendosi con grande anticipo infatti è possibile vivere un viaggio sub in Madagascar con un budget di 500/600 euro, volo aereo escluso.  

Viaggi sub in Madagascar: la valigia perfetta

Partire per un viaggio sub in Madagascar non vuol dire solo prepararsi a nuotate ed immersioni ma anche scoprire i tesori terrestri dell’isola e dei suoi parchi, soprattutto se con voi sub partiranno anche persone che non praticano le immersioni.  

Proprio per questo oltre a costumi, pinne, maschera e l’attrezzatura per le immersioni, vi consigliamo di mettere in valigia tutto il necessario per il trekking, comprese scarpe comode, cappello ed un k-way.  

Se avete intenzione di raggiungere l’entroterra e i suoi altopiani portate con voi alcuni indumenti caldi, come felpe e piumini perché in questi luoghi la temperatura può scendere anche sotto ai 5°.

Ricordate di aggiungere in valigia i medicinali che assumete di solito, compresse per i disturbi gastrointestinali e repellenti per zanzare ed insetti vari.   

Sul nostro sito trovate una guida con tutte le informazioni e i dettagli per organizzare al meglio, dal punto di vista pratico, il vostro viaggio sub in Madagascar!  

Se il racconto di questa isola magica in cui si respira felicità ad ogni passo – e ad ogni immersione – vi ha affascinato non vi resta che scoprire tutte le nostre offerte per i viaggi sub in Madagascar, a Nosy Be e Mangily Island e prepararvi a raggiungere questo paradiso terrestre fatto di acque cristalline, fondali meravigliosi, popolazione accogliente, ritmi rilassati e natura affascinante 

DiveCircle