Viaggio sub alle Antille Olandesi: immersioni tra le sorelle lambite dal Mar dei Caraibi

una spiaggia dell'isola di aruba

Vuoi regalarti una vacanza subacquea all’insegna della pace, della tranquillità e di fantastiche immersioni? L’arcipelago della Antille Olandesi, con le sue isole Aruba, Bonaire, Curacao, San Martin, Saba e Sant’Eustachio, è un vero paradiso tropicale. Una vacanza diving alle Antille Olandesi, ti donerà l’emozione di un’avventura in un paesaggio incontaminato, fatto di spiagge dorate e paesaggi mozzafiato che vi coccoleranno, durante tutta la durata del vostro viaggio sub.

Vacanza sub alle Antille Olandesi: la magia delle immersioni nel mar dei Caraibi

una spiaggia dell'isola di arubaUna vacanza diving alle Antille Olandesi, è un must per gli amanti della subacquea. Le isole dell’arcipelago, infatti, sono note per l’incredibile varietà e quantità di pesci che le loro acque ospitano. La limpidezza di quest’ultime, inoltre, garantisce sempre una perfetta visibilità anche a 40 metri e la temperatura resta mediamente sui 28° tutto l’anno. Le immersioni sono d’obbligo in questo paradiso terrestre e possono essere praticate in tutte le isole in condizioni di totale sicurezza. Le coste ovest dell’arcipelago delle Antille Olandesi sono più calme e sono perfette per tutti i sub, dagli esperti ai novizi. Le coste ad est invece si affacciano sul mare aperto e sono quindi interessate da più correnti e abitate da pesci di maggiori dimensioni: una sfida per ogni sub più esperto!

Diving alle Antille Olandesi: dove immergersi?

ARUBA

Aruba, è la prima tappa del nostro viaggio diving alle Antille Olandesi. E’ un’isola vivace ed allegra, non a caso chiamata “One Happy Island”. Oltre alle stupende spiagge incontaminate è anche l’isola che offre maggior servizi turistici e un gran numero di attività come hotel, casinò e discoteche. Un vero e proprio regno del divertimento, che conserva però gelosamente la sua anima caraibica. Durante il giorno, infatti, potrete regalarvi una lunga e rilassante passeggiata su spiagge circondate da palme di cocco. Le condizioni del mare sono perfette per sport acquatici, immersioni e snorkeling. Aruba, inoltre custodisce una favolosa barriera corallina ed è anche conosciuta come la capitale caraibica dei relitti: sui fondali riposano un aereo, rimorchiatori, navi da carico, imbarcazioni storiche e antiche navi da guerra. I siti d’immersione di Aruba sono ben 42, uno più affascinante dell’altro.

BONAIRE

Salutiamo Aruba, perché la nostra vacanza sub alle Antille Olandesi, procede nella bellissima Bonaire. Detta “Diver Paradise”, è l’isola più piccola e più selvaggia, con una natura ancora vergine e paesaggi incantevoli. Questo piccolo paradiso, lungo 22 miglia e largo 5, si trova nel punto più a sud dei Caraibi, al di fuori della cinta degli uragani. E’ la destinazione perfetta per ogni viaggio diving. Il clima, infatti, rimane invariato per tutto l’anno, con una temperatura media di 29°. Per i sub, quindi, è un vero e proprio paese dei balocchi: i siti d’immersione di Bonaire sono famosi in tutto il mondo e la sua natura sommersa è ricchissima e inesplorata. Nei suoi fondali sono state riconosciute più specie di pesci che in qualsiasi altra parte dell’Atlantico Ovest. Basti pensare che la scogliera che comincia a soli 25 metri dalla costa è la casa di più di 350 specie di pesci, 100 delle quali rintracciabili a meno di 5 metri di profondità. Durante la tua vacanza sub, potrai imbatterti facilmente in barracuda, delfini, tartarughe marine, aquile di mare, razze, polpi e diverse specie di squali.

CURACAO

Il fascino di Bonaire ci ha stregati, ma Curacao, promette di regalarvi una vacanza diving indimenticabile. La terza delle isole meridionali, detta “Real Different”, è la più grande. Willemstad è il capoluogo e, oltre ad offrire una vibrante vita notturna, è un sito Heritage Unesco, con più di 700 edifici storici. Per quanto riguarda le immersioni a Curacao, l’isola non ha nulla da invidiare a Bonaire, dalla quale la separano soltanto pochi chilometri. Stesse acquee calme e cristalline bagnano le due isole e la vita marina è ricchissima. Le coste di Curacao si estendono per 50 chilometri e oltre a splendide spiagge caraibiche, l’isola offre ben 60 punti d’immersione. Grazie all’assenza di correnti, Curacao e Bonaire sono l’ideale anche per chi desidera approcciare alla subacquea: tutti i centri sub, infatti, offrono un’immersione di prova. Curacao è in grado di soddisfare ogni vostra esigenza subacquea, e non solo.

SABA & SANT’EUSTACHIO

Il nostro viaggio sub alla scoperta delle Antille Olandesi non finisce qui. Del secondo gruppo delle Antille, più a nord, fanno parte infatti Saba e Sant’Eustachio. Se siete in cerca di un’esperienza di vacanza diving unica, fatta di immersioni, passeggiate e lunghi momenti di relax, queste due piccole isole fanno al caso vostro. Saba e Sant’Eustachio sono ancora praticamente sconosciute al turismo italiano. La loro origine vulcanica rende questi fondali meravigliosi. La vita marina è ricchissima e varia: Saba è conosciuta per le immersioni sui pinnacoli mentre Sant’Eustachio per le immersioni sui relitti. Entrambe le isole sono oasi di pace: non c’è affollamento e non ci sono grandi attività commerciali. A Saba non ci sono spiagge, mentre Sant’Eustachio ne offre un paio libere e vulcaniche: due mete diving del tutto diverse rispetto all’immagine che ognuno di noi ha delle lunghe e bianche spiagge caraibiche. Sono isole perfette per i sub esperti che hanno voglia di concedersi immersioni diverse e una vacanza sub lontana dai luoghi più frequentati.

SINT MAARTEN

Il nostro viaggio sub si conclude a Sint Maarten,  la “Friendly Island”, l’isola regina della vita mondana. Con i suoi 86 chilometri quadrati è la più piccola isola al mondo ad essere divisa tra due stati: la parte meridionale fa parte delle Antille Olandesi con il nome di Sint Maarten, mentre la parte settentrionale, chiamata Saint Martin è una collettività d’oltremare dipendente dalla Francia. Sint Maarten è la località caraibica più famosa per le spiagge bianche, per gli ottimi ristoranti e gli hotel di lusso. Fa da scalo spesso a grandi navi da crociera ed è rinomata per essere la destinazione ideale per barche a vela e yacht di lusso.

Informazioni utili per la tua prossima vacanza sub alle Antille Olandesi
Antille Olandesi: il periodo migliore per una fantastica vacanza diving

Chi è già con trolley alla mano, pronto per il suo viaggio sub alle Antille Olandesi, ad Aruba, Bonaire e Curacao, non deve di certo temere le condizioni climatiche. Le tre isole, infatti, sono visitabili tranquillamente durante tutto l’anno, presentano sempre un clima tropicale caldo-secco e le temperature si registrano costantemente sui 27°. La stagione delle piogge inizia ad ottobre e termina a dicembre e le isole si trovano fuori dalle rotte degli uragani. Sint Maarten, invece, gode di un clima tropicale caldo-umido, con una stagione delle piogge che va da giugno ad ottobre, durante la quale sono possibili anche uragani. I mesi più secchi invece sono quelli tra febbraio e aprile. Le temperature massime variano tra i 30° a luglio e 28° a gennaio, mentre le minime si attestano attorno ai 22°. A Sant’Eustachio il clima è tropicale caldo-umido, con una stagione delle piogge che va da giugno a settembre. L’isola si trova lungo le rotte degli uragani, che possono colpirla tra agosto e ottobre. I mesi più secchi invece sono tra dicembre e marzo. Le temperature massime variano tra i 31° in media di luglio e i 29° di gennaio mentre le temperature minime si registrano attorno ai 22°. A Saba le temperature medie variano tra i 27° a luglio e i 17° tra dicembre e febbraio. A causa della presenza del Monte Scenery, il più alto delle Antille Olandesi, il cielo di Saba è spesso coperto da nuvole. La stagione secca va da dicembre a luglio e gli uragani possono colpire l’isola tra agosto e ottobre.

Situazione sanitaria

Prima di partire alla volta di qualsiasi viaggio sub, è necessario conoscere la situazione sanitaria del paese di destinazione. Per una vacanza sub alle Antille Olandesi non sono richieste vaccinazioni particolari, poiché non sono noti particolari problemi di salute associati a queste isole. Su ogni isola sono presenti eccellenti strutture ospedaliere. Le più grandi sono Aruba, Curacao e Sint Maarten. Anche a Saba e Sant’Eustachio ci sono ospedali e camere iperbariche.

Visti turistici

Per viaggiare alle Antille Olandesi è necessario avere un passaporto valido per 3 mesi oltre la data di ritorno. Dovete anche avere un biglietto di andata e ritorno o di prolungamento.

Valuta

La moneta in uso è il fiorino delle Antille Olandesi (AWG). I dollari US sono accettati ovunque, mentre è consigliabile cambiare gli euro nelle banche delle isole o meglio ancora circolare con una carta di credito: American Express, Discover, Mastercard e Visa funzionano in quasi tutti gli hotel, ristoranti e negozi.

Scaldate le bombole e fate il carico di adrenalina, quindi, perché a breve inizierà il nostro viaggio sub alla scoperta delle Antille Olandesi. 

Share

DiveCircle è un’online travel agency dedicata interamente al settore del turismo subacqueo; in particolare a divers, snorkelers e appassionati di viaggi naturalistici a contatto con il mare. Una piattaforma d’ispirazione e di booking che in pochi click e in pochi secondi consente di organizzare l'intero viaggio diving. Prenota ora la tua prossima vacanza su www.divecircle.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *