Chat with us, powered by LiveChat
AfricaDestinazioniSlider

Viaggio sub in Sudafrica: il trionfo della natura

spiaggia Sudafrica

Se state progettando, o solo sognando, un viaggio sub in Sudafrica, sappiate che questa terra vi regalerà emozioni indelebili ed alcune fra le migliori immersioni di tutto il pianeta.

Oltre 2.700 chilometri di coste, due oceani (Atlantico e Indiano), decine e decine di specie diverse e una varietà di ambienti, marini e non, in cui praticare diving: questo e moltissimo altro vi aspetta nel corso del vostro viaggio sub in Sudafrica.

Le acque del Sudafrica sono un vero paradiso per ogni sub, ma soprattutto per quelli in cerca di emozioni forti e di esperienze adrenaliniche. Se il vostro sogno è sempre stato quello di immergervi con grandi creature, al largo della costa di Gansbaai avrete l’opportunità di immergervi in gabbia con i grandi ed epici squali bianchi. Se siete alla ricerca di un’esperienza unica al mondo, non potrete perdervi lo spettacolo magico della “Sardine Run”, la migrazione di pesci più grande e scenografica al mondo, che ha luogo ogni anno nei mesi di giugno e luglio.

Un viaggio sub in Sudafrica è l’ideale per gli appassionati di squali. Nelle acque selvagge che lambiscono queste terre, avrete un’altissima possibilità di imbattervi in meravigliosi esemplari di verdesche (da novembre a giugno), squali pinna bianca, pinna nera e squali martello (tutto l’anno), squali toro (da novembre a maggio), grandi squali bianchi (da aprile a ottobre), squali tigre (da gennaio a maggio) e squali balena (da dicembre a marzo). Ma non solo squali! Mante, razze, ippocampi, pesci di ogni forma e colore, tartarughe, megattere, balenottere, foche e delfini renderanno ogni immersione unica ed indimenticabile.

Per via della sua topografia, il Sudafrica presenta diverse zone climatiche che vanno da quella desertica a quella subtropicale. La zona di Cape Town presenta un clima simile a quello mediterraneo, con inverni piovosi ed estati calde e secche. Le temperature invernali possono avvicinarsi allo zero, e quelle estive raggiungere i 30°C. Per quanto riguarda la temperatura dell’acqua, varia in base alla località e al periodo dell’anno, oscillando tra i 27°C di Sodwana, ai 14°C di False Bay. Anche la visibilità può subire delle variazioni, ma generalmente è buona in quasi tutti i principali siti di immersione (oltre 20 metri/66 piedi).

Provincia del Capo Occidentale: il regno dello squalo bianco

Il Capo Occidentale (Western Cape) è una delle zone con il maggior afflusso turistico ed è tappa imperdibile di un viaggio sub in Sudafrica. Situata nell’estremo angolo sud-occidentale, questa provincia si affaccia a sud sull’Oceano Indiano e a ovest sull’Atlantico. Western cape ospita Città del Capo (Cape Town), capoluogo della zona e capitale legislativa dell’intero Paese, il Capo di Buona Speranza, l’estremità meridionale della penisola, e la Garden Route, celebre strada panoramica che percorre la costa.

Le immersioni a Western Cape sono in assoluto tra le più emozionanti al mondo. La zona è conosciuta principalmente per essere tra i cinque migliori posti al mondo per le immersioni in gabbia con gli squali bianchi, ma l’ambiente marino è talmente diversificato da offrire una varietà pressoché infinita di esperienze ed avvistamenti. Le acque del Capo Occidentale sono dimora ideale di decine e decine di specie marine diverse: balene, delfini, megattere, foche, orche, squali, pinguini e centinaia di pesci di ogni tipo. Altra caratteristica della zona è la grande quantità di relitti presenti sui fondali di entrambi i lati della penisola.

La maggior parte dei siti di immersione nel Western Cape sono raggruppati attorno al Capo di Buona Speranza e a False Bay. Qui i sub troveranno quattro distinti scenari: coste rocciose, scogliere, foreste di alghe e fondali sabbiosi. Il lato occidentale si caratterizza per acque più fredde e profondissime con forti correnti, mentre False Bay, ad est, offre acque più calde con correnti minime. La costa meridionale del Capo Occidentale ha alcune aree protette ideali per i sub appassionati di barriere coralline.

Western Cape: quando e dove andare

Le immersioni nel Western Cape sono possibili tutto l’anno. L’area gode per lo più di un clima mediterraneo con estati calde e inverni piovosi. Durante l’inverno (giugno-agosto) le temperature sono più fresche, ma la costa meridionale è molto più calma e accessibile.  Al contrario, la costa atlantica diventa inaccessibile durante i mesi invernali.  Le temperature dell’acqua sono comprese tra 13 e 17 ° C.

False Bay a sud di Cape Town, presenta acque più calde di quelle della costa Atlantica ed è caratterizzata da foreste di kelp, pareti rocciose e fondali sabbiosi. Oltre alla possibilità di praticare immersioni in gabbia con gli squali bianchi, qui avrete la possibilità di imbattervi in bellissimi esemplari di otarie e nudibranchi tra colorate distese di gorgonie.

Mossel Bay è un piccolo centro portuale che offre diversi siti d’immersione che vanno da poco profondi (circa 7 metri) a profondi (30 metri), ma che deve la sua notorietà al fatto di essere uno dei migliori punti del Sudafrica per le immersioni in gabbia con il grande squalo bianco.

Altro sito di immersione che vi consigliamo di visitare, nel corso del vostro viaggio sub in Sudafrica, è Santos Reef. La spiaggia di Santos, nell’angolo settentrionale di Mossel Bay, ospita un piccolo reef ben riparato. Qui è possibile avvistare pastinache, seppie ed una grande varietà di specie endemiche.

Innerpool, per via delle sue grandi onde, è una delle località più amate dai surfisti, ma i sub non rimarranno assolutamente delusi dalla bellezza dei suoi fondali. Qui è possibile osservare affascinanti creature di ogni dimensione, dai coloratissimi nudibranchi ai delfini o agli squali.

Anche Gansbaai, a est di Cape Town, è famosa per le immersioni in gabbia per l’avvistamento del grande squalo bianco… ma non solo! Il Dyer Island Group, appena a sud di Gansbaai, ospita un’enorme colonia di otarie orsine, di pinguini africani e di uccelli marini. Altra tappa imperdibile per rendere il vostro viaggio sub in Sudafrica davvero indimenticabile.

La terra del nord: only the brave!

La Provincia del Capo Settentrionale, la più grande e la meno popolata del Sudafrica, è conosciuta per le sue miniere di diamanti e per i suoi vigneti, ma anche per regalare immersioni selvagge ed emozionanti al pari dei suoi paesaggi e della natura che la domina.

Il paesaggio di Northern Cape è variegato e bellissimo: parchi nazionali, siti archeologici patrimonio dell’Unesco, miniere, chilometri di coste, vigneti e una natura bella da mozzare il fiato.

Per quanto riguarda le immersioni, qui a Northern Cape la prudenza è d’obbligo, poiché le acque di questa provincia (costiere ed interne) sono tra le più profonde del mondo. Ed è proprio questo ad attirare i sub più avventurosi da ogni parte del mondo. Ci si immerge a Northen Cape non per ammirare la fauna marina, ma per provare il brivido e le scariche di adrenalina pura che solo queste profondità uniche al mondo riescono a dare.

Il più famoso sito di immersione è Boesmansgat, anche detto Bushman’s Hole. Questa dolina (sinkhole) è la sesta più profonda grotta piena d’acqua dolce al mondo. L’ingresso della grotta, di circa 100 metri quadrati e ricoperto di lemna (lenticchia d’acqua), conduce ad un’enorme cavità, piena di acqua cristallina, profonda circa 270 metri. Qui molti record sono stati battuti, ma purtroppo alcuni professionisti hanno perso la vita durante le immersioni.

Viaggio sub in Sudafrica: le sorprese dell’entroterra

Nonostante la maggioranza delle persone decida di fare un viaggio sub in Sudafrica per immergersi negli oceani con gli squali, alcune delle migliori immersioni tecniche avvengono nell’entroterra, nella Provincia del Nord-Ovest.

Le immersioni nella provincia nord-occidentale sono possibili tutto l’anno, con una temperatura dell’acqua che varia da 25 a 29 ° C. Qui è possibile scegliere tra tre tipi di immersioni in acqua dolce: doline (sinkhole), laghi ed ex miniere.

Pur non trattandosi di immersioni in mare aperto tra barriere coralline, pesci tropicali, squali e delfini, le immersioni in acqua dolce riserveranno sorprese tanto inaspettate quanto incredibili: fondali verdeggianti, grotte piene di stramataliti e una stupefacente varietà di specie endemiche uniche al mondo.

Miracle Waters è una ex miniera di cromo a cielo aperto colma di chiara acqua sorgiva. È popolare tra i subacquei di tutti i livelli per essere un eccellente posto per allenarsi. Quindi, oltre ad essere un’immersione in quota (1500 metri sul livello del mare), l’area offre anche la possibilità di ottenere la certificazione in un ambiente sicuro e rilassante.

Marico Oog è un panoramico bacino profondo 16 metri. La sua acqua cristallina è caratterizzata da una ricca vegetazione e soprattutto da gambi di ninfee che creano un labirinto sottomarino con un’atmosfera quasi magica. Qui vivono diverse specie di pesci, granchi e anguille d’acqua dolce. Anche questo sito è particolarmente utile come area di allenamento.

Wondergat è una dolina naturale dolomitica riservata esclusivamente ai sub esperti e tecnici. L’immersione in quota, tra varie grotte, scende fino a 70 metri. La dolina ospita interessanti formazioni rocciose chiamate stramataliti che prendono la forma di ruote di carri.

Immersioni nel KwaZulu-Natal: la corsa delle sardine

KwaZulu-Natal è una delle province più popolari in Sudafrica, conosciuta soprattutto per i safari. Situata nell’estremo angolo nord-orientale, quest’area regala alcune delle immersioni più belle ed emozionanti del pianeta per via del suo mix perfetto di relitti, scogliere, squali, cetacei, pesci, grotte, pinnacoli, barriere coralline e spettacoli unici al mondo, come quello della “sardine run”, la più grande e spettacolare migrazione di pesci del pianeta.

Queste acque ospitano un’enorme varietà di vita marina: balene, megattere, squali toro, squali tigre, squali balena, squali pinna nera, squali martello, delfini e centinaia di coloratissimi pesci di barriera.

Nella provincia del KwaZulu-Natal in Sud Africa le immersioni sono possibili tutto l’anno. L’area ha generalmente un clima subtropicale con estati calde e inverni piovosi. Durante la stagione invernale (giugno-agosto) le temperature sono più fresche. Tuttavia, l’inverno e l’autunno sono generalmente considerati le migliori stagioni per le immersioni. Le temperature dell’acqua sono comprese tra 21 e 25 ° C.

La baia di Sodwana, situata nell’iSimangaliso Wetland Park, è un sito, patrimonio dell’umanità, che offre alcune delle migliori immersioni al mondo. Qui, tra chilometri di splendide barriere coralline, potrete ammirare squali balena, mante e megattere. Durban è forse l’area con meno siti di immersione nella provincia. Tuttavia è una zona interessantissima per quanto riguarda l’elevata presenza di relitti dovuta all’importanza di Durban nel commercio negli ultimi 200 anni. Tra i relitti più importanti ricordiamo Old Wreck, Fontao, T-Barge e Cooper’s Wreck. Altra area di immersione è quella che comprende la costa sud. Sia l’Aliwal Shoal che le Protea Banks offrono un mix imperdibile di grotte, pinnacoli e dorsali impreziosite da iridescenti coralli tra cui nuotano eleganti esemplari di mante giganti, torpedini e razze. Queste acque sono anche ideali per praticare la pesca sportiva e per immergersi con gli squali martello, squali tigre e squali toro.

La “Sardine Run”: quando la natura dà spettacolo

La corsa delle sardine è un fenomeno unico al mondo che si verifica tra maggio e luglio quando miliardi di sardine, appartenenti alla specie sudafricana (sardinops sagax), depongono le uova nelle fredde acque al largo di Agulhas Bank per poi spostarsi verso nord, lungo la costa orientale del Sudafrica, fino al Mozambico dove lasciano la costa proseguendo verso est nell’oceano Indiano.

Spesso i banchi di sardine che mettono in scena questo spettacolo magnifico misurano oltre 7 km di lunghezza, 1,5 km di larghezza e 30 m di spessore, diventando chiaramente visibili dagli aerei da ricognizione o dal litorale. Ovviamente un fenomeno di tali proporzioni non può non attirare un enorme numero di predatori. Fino a 18.000 delfini si radunano qui per nutrirsi di sardine, che, sentendosi attaccate, si compattano formando delle vere e proprie sfere che arrivano a misurare anche 10-20 m di diametro. Una volta che le sardine vengono circondate, squali, uccelli, delfini, tonni, balenottere e megattere si avventano su di loro per nutrirsi, dando vita ad uno spettacolo immenso, frenetico, magnetico ed entusiasmante che fa di questo evento una delle migliori immersioni del pianeta. Un viaggio sub in Sudafrica può dirsi completo solo dopo aver assistito a un tale spettacolo.

La Sardine Run è un’esperienza unica ed indescrivibile, da vivere sia sotto che sopra il pelo l’acqua. Sott’acqua è possibile assistere e godere in pieno della magnificenza di questo fenomeno; dalle imbarcazioni è possibile ammirare i salti acrobatici dei delfini, le enormi sagome delle balene e la velocità e la destrezza degli uccelli acquatici in picchiata.

Non aspettare oltre! Scopri subito le nostre offerte e organizza ora il tuo viaggio sub in Sudafrica!

 

DiveCircle
Leave a Comment